Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Dove mangio il 18 Aprile2007
    DOVE MANGIO

Un sogno napoletano a Palermo

Cosa fa un ragazzo napoletano di cognome Esposito quando va a cercare fortuna fuori Napoli? Risposta quasi scontata: apre una pizzeria. È quello che ha fatto Salvatore Esposito detto Salvio, quarantenne di Napoli, nato nel quartiere Speranzella da famiglia di chef che, avendo trovato l’amore a Palermo, vi si è fermato mettendo su “casa e pizzeria”.
Se all’inizio Salvio ha cercato di proporre la pizza napoletana tradizionale, ha dovuto ben presto adeguarsi al gusto dei palermitani che preferiscono una pizza sottile, molto cotta e croccante.
Non è stata facile neppure la ricerca del pizzaiolo, fino all’incontro con Nicola Mancuso. La scintilla è scoppiata immediatamente, appena Nicola per impastare ha preso soltanto la farina doppio zero – come si fa a Napoli - senza mischiarla con la semola di grano duro come si usa a Palermo. Il risultato è una pizza che ha uno spessore maggiore di quelle che si trovano solitamente, la pasta una consistenza e una cottura che in bocca ricordano quella delle pizze napoletane. L’impasto è fatto la sera, a chiusura del locale, con il crescente (lievito madre) della casa e viene lasciato lievitare per dieci/dodici ore. Le materie prime sono scelte con cura, la mozzarella di bufala arriva direttamente dal salernitano, tre volte la settimana come tiene a sottolineare Salvio, per il forno si utilizza in gran parte legno di olivo, il migliore per questo uso.
Le pizze caratteristiche del locale sono quelle ‘mbuttunate con il cornicione ripieno di mozzarella, o con crema di spinaci, di funghi, olive nere, ricotta, radicchio, pesto di basilico e poi condite al centro come si vuole. I nomi delle pizze sono di fantasia e richiamano quelli delle strade: via Napoli è la classica Napoli, viale Regina Margherita è la Margherita e così via.
Non mancano le classiche pizze fritte napoletane, quelle con i friarielli, la pasta cresciuta per antipasto, anche nelle varianti con le alghe o con le acciughe. Altra specialità è la pizza a metro, con venticinque centimetri lineari di pizza a porzione. Il locale propone anche primi piatti, come gli spaghetti ai frutti di mare, e dei secondi a base di carne argentina o irlandese alla brace. Alla fine però fatevi tentare da una bella… margherita con foglia di basilico.

A.S.

SCIUSCIÀ
Via Dante, 212 Palermo
tel. 091/6822700
Prenotazione obbligatoria
Chiuso martedì
Carte di credito VISA E MASTERCARD
    DOVE MANGIO

Un sogno napoletano a Palermo

Cosa fa un ragazzo napoletano di cognome Esposito quando va a cercare fortuna fuori Napoli? Risposta quasi scontata: apre una pizzeria. È quello che ha fatto Salvatore Esposito detto Salvio, quarantenne di Napoli, nato nel quartiere Speranzella da famiglia di chef che, avendo trovato l’amore a Palermo, vi si è fermato mettendo su “casa e pizzeria”.
Se all’inizio Salvio ha cercato di proporre la pizza napoletana tradizionale, ha dovuto ben presto adeguarsi al gusto dei palermitani che preferiscono una pizza sottile, molto cotta e croccante.
Non è stata facile neppure la ricerca del pizzaiolo, fino all’incontro con Nicola Mancuso. La scintilla è scoppiata immediatamente, appena Nicola per impastare ha preso soltanto la farina doppio zero – come si fa a Napoli - senza mischiarla con la semola di grano duro come si usa a Palermo. Il risultato è una pizza che ha uno spessore maggiore di quelle che si trovano solitamente, la pasta una consistenza e una cottura che in bocca ricordano quella delle pizze napoletane. L’impasto è fatto la sera, a chiusura del locale, con il crescente (lievito madre) della casa e viene lasciato lievitare per dieci/dodici ore. Le materie prime sono scelte con cura, la mozzarella di bufala arriva direttamente dal salernitano, tre volte la settimana come tiene a sottolineare Salvio, per il forno si utilizza in gran parte legno di olivo, il migliore per questo uso.
Le pizze caratteristiche del locale sono quelle ‘mbuttunate con il cornicione ripieno di mozzarella, o con crema di spinaci, di funghi, olive nere, ricotta, radicchio, pesto di basilico e poi condite al centro come si vuole. I nomi delle pizze sono di fantasia e richiamano quelli delle strade: via Napoli è la classica Napoli, viale Regina Margherita è la Margherita e così via.
Non mancano le classiche pizze fritte napoletane, quelle con i friarielli, la pasta cresciuta per antipasto, anche nelle varianti con le alghe o con le acciughe. Altra specialità è la pizza a metro, con venticinque centimetri lineari di pizza a porzione. Il locale propone anche primi piatti, come gli spaghetti ai frutti di mare, e dei secondi a base di carne argentina o irlandese alla brace. Alla fine però fatevi tentare da una bella… margherita con foglia di basilico.

A.S.

SCIUSCIÀ
Via Dante, 212 Palermo
tel. 091/6822700
Prenotazione obbligatoria
Chiuso martedì
Carte di credito VISA E MASTERCARD

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Michele Rizzo

Agorà ristorante di pesce

Rende (Cs)

4) Gelato allo zafferano di Reggio Calabria, anice e terriccio salato alle mandorle

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search