Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Dove mangio il 14 Settembre2020
Assunta Pacifico e il figlio Giuseppe Scicchitano

di Marco Sciarrini

Andare a Napoli in cerca di profumi e sapori ha come tappa obbligatoria la visita in uno dei ristoranti partenopei più ricercati: “A Figlia d’’o Marenaro”.

Il locale condotto dalla “mitica” Assunta Pacifico che in questi anni è riuscita ad elevare il suo locale agli onori delle cronache per la qualità del servizio e dei prodotti che ancora “sanno di mare”. Assunta ha aperto il suo ristorante nel 1991 ed è divenuto da subito punto di ritrovo per napoletani e turisti. Il segreto come dice lei stessa è stata la propria famiglia. Infatti, insieme al marito Nunzio Scicchitano, ha trasmesso la cultura e la passione per questa attività al figlio Giuseppe, tanto da consentirgli di aprire una costola dell’attività proprio dentro al suo locale al primo piano. "Innovative" è il nome scelto per questa nuova avventura, pensata per una clientela appassionata alla cucina partenopea, ma con una rivisitazione dei piatti della tradizione marinara, ed il successo che ha subito ottenuto non è soltanto figlio del traino dell’altro ristorante. La clientela e la città sentivano la necessità di avere anche questa alternativa. Il locale è diviso in tre sale, ed è ideato anche per essere un posto per gustosi aperitivi grazie ad angolo bar rifornito di prodotti esclusivi e coordinato dal creativo Bartender napoletano Michele Picone e dove è inserita un’area dedicata ai crudi in bellavista. A consigliare in sala l’esperto sommelier Ais Pietro Marotta con una prestigiosa carta dei vini con etichette di prima scelta e ad una squadra di sala, Alessandro Sansò e Jonathan Spagnuolo capaci e professionali. Ai fornelli la cucina dello chef Sergio Scuotto con le sue creazioni. I due locali si differenziano per stile ed arredamento, un arredamento più marinaro nella sala al piano terra ed un dehor elegante che dà sulla via Foria, mentre al piano superiore, gli eleganti ambienti ricchi di decorazioni, riportano con l’immaginario ai fasti del Regno delle due Sicilie. Cucine distinte dove però il comune denominatore è la ricerca della qualità.

La nostra visita ha potuto apprezzare entrambe le cucine e in particolare la degustazione è iniziata con:

‘A zupp ‘e cozzeche nata per il periodo Pasquale, ma buona tutto l’anno, con cozze, maruzzielli, vongole, fasolare, a contatto con la frisella leggermente inumidita condita con ‘o russ, particolare olio al peperoncino piccante con l’aggiunta del tarallo ‘nzogna’ e pepe;

Cheesecake Maria fatto con Tartare di gamberi viola e mousse di limone, ricotta in salvietta, frisella di grano duro alla base, la stessa della zuppe di cozze, con maionese classica o con gin e acqua di mare;

Trionfo di crudité con scampi, gamberoni reali, fasolari ed ostriche;

Crocchè di patate ed alici su letto di frutti bosco;

Gamberi alla chitarra Flambè con distillato di cereali, spaghetti alla chitarra al centro e tartare di gamberi che fa da cornice al piatto ed un sugo ottenuto dalla riduzione dei gamberi;

Scampi su letto di spugne di spinaci;

E per finire la delizia al limone. Tutte le portate sono state servite con uno Champagne Piper Cuvée 2015 con sboccatura 2015 proprio a dimostrare l’internazionalità del locale.

A Figlia d’’o Marenaro
Via Foria, 180/182 - Napoli
T. 081 440827
Aperti dal lunedi alla domenica dalle 12 all’1 orario continuato
Carte di credito: tutte
Parcheggio a pagamento a 100 metri

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Peppe Causarano

Ristorante VotaVota

Marina di Ragusa (Rg)

2) Piccione cotto sull’osso, chutney di melanzane e riduzione di melograno

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search