Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Dove mangio il 25 Agosto 2011
di Redazione

Ultimora. Secondo alcuni boatos del mondo enogastronomico Stefano Schininà (nella foto) starebbe per cambiare ristorante. Al momento è solo una indiscrezione. O forse un sogno. CdG

di Massimiliano Montes

E’ il sogno di qualsiasi gourmet. Scoprire un astro nascente, un giovane talento ancora sconosciuto capace di stupire e farti sognare.

Stefano Schininà, classe 1990, forse lo è. Incontrato casualmente alla Locandina, ristorante pizzeria erede dei vecchi locali della Locanda di Don Serafino in via Orfanotrofio 39, a Ragusa Ibla, Stefano di classe ne ha sicuramente tanta. Giovanissimo chef diplomato alla scuola alberghiera di Modica, svolge un periodo di tirocinio di sei mesi al Duomo con Ciccio Sultano e di due anni alla Fenice di Ragusa con Claudio Ruta. Il primo incontro con Stefano risale al luglio 2011, quando ci lascia a bocca aperta con un menù degustazione di sei portate una più deliziosa dell’altra di cui però non abbiamo immagini. Dimostra padronanza e conoscenza degli ingredienti, una tecnica di cucina sicuramente superiore a quello che ci si aspetterebbe da uno chef così giovane. Inevitabilmente a fine pasto arriva la richiesta di conoscere questo talento, e lo stupore è grande quando si presenta un giovane ragazzo dalla figura esile, i capelli raccolti sotto una cuffia e lo sguardo lievemente intimorito. Nonostante la giovane età Stefano vola alto nell’empireo della gastronomia. Al secondo incontro con la sua cucina ci è sembrato quasi un obbligo immortalare alcune delle sue creazioni. A solo titolo esemplificativo qui vi proponiamo alcuni dei suoi piatti. Dopo un benvenuto di sandwich di aringhe all’arancia accompagnato da bollicine italiane ci aspetta un antipasto di soppressata di polpo all’extra-vergine di oliva di tonda iblea (foto sotto).

Tra i primi piatti proposti sono risultate tanto semplici quanto splendide le orecchiette con pomodoro ciliegino, olio, basilico e ricotta salata (foto sotto).

Di seguito un classico di tagliolini freschi ai ricci di mare ed un originale piatto di tagliolini freschi alle vongole e pomodoro ciliegino (foto sotto).




Pasta con vongole

Come secondo Stefano ci ha proposto una tagliata di tonno con cipolla stufata aromatizzata con olio alla menta (foto sotto).

Strepitosamente buono il dessert, un’equilibratissima gelatina al limone e menta (foto sotto).

Stefano merita sicuramente una menzione speciale, anche se, in considerazione della giovanissima età, il consiglio che gli si può dare è quello di continuare a frequentare le cucine dei grandi chef d’Italia e possibilmente d’oltralpe. Possiede infatti un grandissimo talento, in parte ancora inespresso, che merita il giusto affinamento tecnico ed una corretta maturazione. Se questo avverrà state sicuri che sentiremo ancora parlare di Stefano Schininà.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Ciro Scamardella

Pipero

Roma

1) Raviolo di cavolfiore, vaniglia e capasanta

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search