Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Dove mangio il 20 Agosto2019

La nostra sosta golosa al nuovo concept di Storyeller, il locale aperto da poco a Corato in provincia di Bari


(Leonardo D'Ingeo)

di Michele Pizzillo, Corato (Bari)

Fino a qualche anno fa era una sorta di gastropub creato da Giuseppe Lops, senza dubbio un bartender molto apprezzato a Corato, grosso centro dell’entroterra barese, quasi una specie di spartiacque tra il mare e la Murgia, l’altopiano ritenuto la spina dorsale di gran parte della Puglia e, adesso, in parte tutelato come Parco nazionale. 

Nonostante le soddisfazioni che gli assicurava il ristopub, Lops maturava l’idea di trasformarlo in ristorante ricercato da mettere a disposizione di palati raffinati o comunque disposti a provare piatti innovativi. L’opportunità arriva con la disponibilità di un giovane chef locale, Leonardo D’Igeo, che dopo numerose esperienze tra Bari (Le Giare di Antonio Bufi) e Parigi, addirittura con il bistellato Joël Robuchon, era interessato a tornare a casa. Come dice il proverbio? Detto, fatto. Nasce Storyteller, con una proposta gastronomica di ricerca sulla materia prima, ma con particolare attenzione per quella locale, giustamente contaminata con prodotti presi in prestito un po' in giro per il mondo ed uniti all'utilizzo di tecniche come le fermentazioni per esaltare acidità, affumicature, disidratazioni "capaci di conferire sapori più decisi, puliti e d'impatto ai piatti", dice il bravo D’Ingeo.


(Sgombro, erbe murgiane e fragole fermentate)

E, così, sulla tavola di Storyteller, è come se ci fossero i racconti del territorio e il lavoro di ricerca per amalgamare la ricchezza locale con quella straniera. E, già dagli antipasti - si ha modo di apprezzare questa rivoluzione -, di verdure selvatiche come la salicornia, accanto a carpaccio di Bardotto o tranci di sgombro su gazpacho di carote. Anche per i primi piatti la materia prima locale si alterna alla “forestiera” e, quindi, la pasta del pugliese Benedetto Cavalieri e il riso Acquerello mentre il Carnaroli Meracinque è mantecato al parmigiano, burro di nocciola, salsa di bottarga di sgombro e limone al forno.


(Carnaroli Marecinque)

Carni e pesci, D’Ingeo li accompagna con materie prime vegetali salse fermentate, ottenute grazie alla tecnica chimica che usa per portare all’estremo i sapori acidi o la carne di cavallo con cozze e asfodelo della Murgia oppure la pecora con riduzione di karkadé, scalogno confit e rafano mentre lo sgombro è presentato con erbe murgiane (una ricchezza del territorio), creme fraiche, fragola fermentata nonché la seppia con paté di fegato di vitello e agretti fermentati.


(Cavallo con cozze e asfodelo)

Un caso quasi a sé e quello del maiale, con i succulenti tagli come il capocollo arricchiti da salse o verdure fresche e acide. Il dessert, quasi sempre in coppa, raccoglie gli aromi del territorio, accompagnandoli con zuppe cremose a base di latte ed estratti, come quello al karkadè e rabarbaro. Piccola chicca: D’Ingeo ama stupire con foglie, essenze e drink nel momento del pre-dessert. Tutto questo, per pulire la bocca. La cantina di Storyteller può contare su un centinaio di referenze, per lo più il meglio della viticoltura pugliese, nonché qualche escursione in terra francese. È possibile cenare alla carta o seguire un percorso degustazione (costo a 35 euro, 45 compreso i vini).

Storyteller
Piazza Di Vagno, 18 - Corato (Ba)
T. 339.4138056
Chiuso: lunedì
Ferie: variabili in inverno
Carte di credito: tutte
Parcheggio: no

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Giorgio Cicero

Ristorante Mùrika

Modica (Rg)

4) Cannolo siciliano, gelato al pistacchio e marmellata al peperoncino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search