Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Dove mangio il 26 Ottobre 2011
di Redazione

Siamo nel cuore pulsante delle Langhe, in un’autentica osteria del basso Piemonte legata da un fil rouge al movimento Slow Food, con cui condivide non solo la filosofia del piacere del cibo meditato ma anche il cortile interno della sede storica dell’Associazione, nel centro storico di Bra.

Il pranzo della domenica è ancora un rito nei piccoli centri langaroli, fatto di vassoi di salame, sottaceti e riccioli di burro, di insalata russa e vitel tonè “alla vecchia maniera”, di profumi di tagli nobili in arrosto e di tartufo bianco.
In Langa i piatti della festa sopravvivono alle tendenze innovative e al trascorrere del tempo e per le ricorrenze si offrono nella loro rustica sontuosità sulle tavole contadine come in quelle aristocratiche. D’altronde la cucina piemontese ha la peculiarità di essere eterogenea per natura, sobria e sfarzosa insieme, e anche quando reinventata in chiave moderna sempre di ispirazione tradizionale.


Cortile del Boccondivino

Ai tavoli del Boccondivino è possibile assaporare un pezzo di quella memoria storica gastronomica, viva nell’imprinting sensoriale anche di chi come me non ha radici in questi luoghi ma è rimasto rapito dalle emozioni che sa regalare il generoso territorio piemontese.


Insalata russa

 Ecco quindi tra gli antipasti della tradizione proposti dall’ospitale oste Gepis: lardo, salsiccia di Bra, e carne cruda di razza piemontese “la Granda” battuta al coltello, un’invitante, equilibrata e gustosissima insalata russa, e il classico vitello tonnato, preparato con girello di vitello dalla cottura breve che ne mantiene rosee e morbide le carni e servito con una salsa ben montata a base di tuorli d’uovo e tonno sott’olio, corposa ed armoniosa al tempo stesso e appena accostata alle tenere fette.


Vitello tonnato

La carta cambia stagionalmente, rispettando i cicli produttivi degli straordinari ingredienti utilizzati, e propone due interessanti menu degustazione. Filiera corta e materie prime provenienti da produttori di Presìdi Slow Food alla base della filosofia del locale, dove il piacere della buona tavola è accompagnato da un’atmosfera rilassata e familiare. Nella parete più ampia della sala principale trionfa una vetrina climatizzata che ospita la cantina: grandi vini del panorama enologico italiano ed internazionale, con ampio spazio dedicato ad importanti etichette del territorio ed ottime proposte anche al bicchiere, da cui scegliamo un Barbaresco docg “Marcarini” 2006, Cantina Vignaioli Pertinace di Treiso, dalla struttura equilibrata ed avvolgente e dal sapore intenso e vellutato.
Si prosegue con i piatti autentici di tradizione langarola: tajarin, dal colore giallo intenso, a riprova del gran numero di tuorli utilizzati per la preparazione di questi sottilissimi tagliolini dalla cottura brevissima, conditi con burro e salvia o al sugo di salsiccia di Bra, agnolotti dal plìn, chiusi con pizzicotto tra il pollice e l’indice, al sugo di arrosto, o gnocchi di patate.


Tajarin burro e salvia

Seguono i sapori forti del territorio: coniglio grigio di Carmagnola all’Arneis, brasato al Barolo, con una lunga cottura al vino che esalta i sapori della carne e i profumi del fondo di verdure e di erbe aromatiche, faraona al rosmarino o stracotto in umido.


Brasato al Barolo

Non c’è pranzo della domenica che non si chiuda con il dolce, spesso in casa il vassoio con le bignole portato dagli ospiti o uno dei baluardi del repertorio regionale. Per chiudere in bellezza, non c’è che l’imbarazzo della scelta tra l’ottima selezione di formaggi o il classico bunet, budino a base di cacao, amaretti e marsala servito con uno sciroppo al caramello, la crema di zabaione o il soffice di nocciola. Ma il pezzo forte dei dolci proposti dal Boccondivino rimane per me la panna cotta (foto sotto).

Il segreto della sua ricetta è semplicissimo: nessun addensante, solo panna freschissima cotta a bagnomaria per un risultato davvero eccezionale. Una grassa, vellutata ed indimenticabile consistenza, ricordo di confidenziali merende, non solo domenicali, nel cortile di Via Mendicità Istruita a Bra.

 
Daniela Corso


Osteria del Boccondivino
Via Mendicità 14
Bra (Cn)
Telefono: 0172/425674  


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Ciro Scamardella

Pipero

Roma

2) Ravioli di Genovese di Polpo

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search