Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Dove mangio il 17 Luglio2020

di Luciano Bertello

Alla Trattoria Italia di Serralunga d’Alba, è Maria Grazia Anselma a custodire un luogo che è parte della scenografica bellezza del paese, nonché un fortino della più autentica tradizione della tavola di Langa.

Maria Grazia ha il tratto accogliente e il piglio fabbrile della vera ostessa, eredità di una storia famigliare avviata nel 1920 in locali di affitto, prima adibiti a farmacia e, con ogni probabilità, appartenuti ai Cappellano. I suoi piatti dialogano con Vigna Rionda e hanno il sapore del mito: fondato dai nonni Felicìn e Franchina, soprannominata Franchina di tajarìn, e rafforzato dai genitori Rosina e Giaculìn. Vigneron, oste, mediatore di uve e di cascine, il papà figura tra i patriarchi della Langa del barolo, di cui conosce ogni singola zolla. Non a caso, è proprio alla Trattoria Italia che il 5 novembre 1967 si tiene il "1° Capitolo dei Cavalieri Fondatori" dell’”Ordine dei Cavalieri del Tartufo e dei Vini d’Alba”, con un menù di assoluta purezza gastronomica langhetta: carne cruda, tajarìn dI Langa, fritto misto, toma, bonèt. Qui, i tajarìn sono un topos culturale. Anzi, sono la Langa: impastati, tirati e tagliati a mano. Autentici.

Maria Grazia rifugge la retorica ed è restia nel dare rigide ricette: "I nostri ingredienti sono farina, uova, e un pochino di semola. Il rapporto tra tuorli e albumi cambia con le stagioni. Nel periodo invernale non servono albumi. Forse, non ho mai usato le stesse dosi: giacché tutto dipende dal “tempo” e dalla sensibilità personale nel creare e cogliere l’armonia dell’impasto. Da mio papà ho capito l’importanza dell’acqua di cottura. Della mamma ho ancora il mattarello, che tengo di ricordo. E’ un elogio a quelle che sono le due doti principali per chi sta in cucina: la manualità e la passione. E per nulla al mondo rinuncerei al mio vecchio coltello: è la firma dei miei tajarìn". Nata, cresciuta e vissuta in osteria, Maria Grazia ha anche i tempi e i modi del racconto che sanno di osteria di Langa. Le parole sono sobrie ma evocative: la locanda dei nonni e le cure dell’uva a base di dolcetto ("arrivavano da Alba in calesse e si fermavano una settimana"); le pesche ripiene che richiamano un paesaggio agrario antico; la tradizione dei ravioli quadri ("quelli del plìn qui non si facevano, sono arrivati dall’Alta Langa") che da piccolina può solo mettere a posto; Gino Veronelli che è di casa; l’ospitalità genuinamente famigliare; la cucina e il barolo che, di fronte alle luci della ribalta, devono fare attenzione a non perdere l’anima.

I 100 anni della Trattoria Italia sono la storia della civiltà della tavola di Langa nel passaggio dalla malora al mondo. Ma, per Maria Grazia, la tradizione è un dogma e i sapori tipici della Langa del barolo ci sono ancora tutti: dal vitello tonnato ai peperoni con la bagna caoda, dai tajarìn ai ravioli, dal brasato al barolo al fritto misto, dal bonèt (ancora cotto a bagno Maria) allo zabaglione ("che, qui da noi, un tempo si faceva perlopiù al barolo, raramente al moscato, al massimo con marsala"). Inarrivabile è il semolino dolce, mentre il coniglio con peperoni e verdure è un modello di cucina casalinga. Poi, Maria Grazia presenta l’orgoglio e l’emblema della storia secolare dell’osteria: i tajarìn. Biondi come il grano maturo, raccolti “a nido”, architetture arcane e modernissime. Gli occhi di Maria Grazia, prima veloci come il suo pensiero, si acquietano. Permettendo di assaporare il fascino antico della trattoria e della locanda. Dove, da sempre, i turisti sono ospiti ed entrano nelle fotografie della famiglia. Un patrimonio culturale di cui la Langa deve andare fiera, rendendo onore alla famiglia Anselma.

Trattoria Italia
Piazza Maria Cappellano, 3/A - Serralunga d'Alba (CN)
T. 0173 613114
Chiuso: lunedì
Ferie: variabili
Carte di credito: Tutte
Parcheggio: sì

Commenti   

0 #1 Giovanni 2020-08-20 23:07
Mi trovo parzialmente in disaccordo con questo articolo. Dico parzialmente in quanto sono stato ospite per un pranzo e il cibo e il servizio sono stati eccellenti. Il dubbio sorge spontaneo, in quanto non mi capacito di come la signora Mariagrazia, che risulta essere la titolare, possa servire ai tavoli, fare i conti e nel frattempo cucinare i famosi Tajarin. Quindi concludo dicendo che la cuoca/cuoco svolge un lavoro eccellente servendo piatti secondo la tradizione, ma chi cucina chiaramente non è la signora Mariagrazia.
Vi consiglio di andare a provare la loro cucina, perché merita sicuramente.
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Massimo Quacquarelli

Ristorante Corteinfiore

Trani

2) Medaglioni di rombo con patata e cicoriella, funghi cardoncelli e pomodorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search