Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il bando il 02 Settembre 2011
di Redazione

Dieci milioni di euro per l’agricoltura siciliana. E’ quanto è stato stanziato dal Ministero delle Politiche agricole e a darne notizia è lo stesso ministro, Saverio Romano (nella foto).

“Abbiamo stanziato dieci milioni di euro per un bando sull’agricoltura biologica che uscirà nelle prossime settimane”. Un bando che punterà ai giovani: “Intendiamo favorire i giovani imprenditori che si vogliono avvicinare all’agricoltura e lo vogliono fare partendo dal biologico”, ha affermato Romano, intervenuto al dibattito su “I prodotti agroalimentari biologici ed ecologici tipici siciliani”, aperto dal presidente della LUP, Pierluigi Matta. Il dibattito ha visto protagonisti anche i sindaci del territorio dei Monti Sicani, mentre a seguire si è svolta una riflessione sulla crisi globale e sui capitali da rivalutare nei settori dell’agricoltura, della pastorizia, della pesca, del turismo culturale e sostenibile condotta da Giacomo Greco, direttore generale della LUP. Sul palco anche il vicesindaco del Comune di Palermo, Pippo Enea, e Adelfio Elio Cardinale, presidente del Cerisdi e della III International Summer School. Al tavolo dei relatori si sono infine il deputato all’Ars Carmelo Incardona e l’eurodeputato Giovanni La Via, oltre a numerosi rappresentanti del mondo produttivo siciliano ed esponenti della cultura locale e regionale. Secondo i dati del Ministero per le Politiche agricole presentati a Filaga da Saverio Romano, la Sicilia si conferma per il secondo anno consecutivo leader nelle coltivazioni biologiche. Aumentano, infatti, il numero di operatori impegnati nel settore e la superficie convertita alla produzione ecologica. I numeri: gli imprenditori agrari sono in tutto 8.311 (tra produttori e preparatori), dato che fa registrare un incremento del 12,1 per cento rispetto a quelli elaborati nel 2010. La Sicilia inoltre precede la Calabria che con 6.749 operatori si piazza al secondo posto fra le regioni italiane, che complessivamente fanno registrare 47.663 addetti ai lavori. C’è di più: 225.693 sono gli ettari di superficie siciliana coltivata con prodotti biologici, dato che è superiore a quello dell’anno precedente del 9,3 per cento. A seguire la Puglia, con 137.721 ettari. Il dato italiano è nel complesso di un milione e 113.742 ettari coltivati con questo sistema. Per sostenere le aziende agricole a sviluppare le infrastrutture, il ministero ha in programma un altro piano. “Nonostante la crisi, l’agricoltura è l’unico comparto con un trend di crescita, ma questo non basta, perché nel Mezzogiorno sono evidenti deficit infrastrutturali che non consentono alle imprese agricole di avere un equilibrio di bilancio. – ha aggiunto Romano – Occorre stimolare, quindi, anche le Regioni a spendere i fondi messi a disposizione col piano di sviluppo rurale. Perciò, con l’Ismea abbiamo sviluppato un’iniziativa che, insieme al fondo di garanzia, consenta di evitare che si perdano i fondi comunitari al termine della scadenza imposta dalla comunità europea”. Un’attenzione particolare è stata rivolta a fine serata al marketing dei prodotti agroalimentari del territorio, con un’esposizione dei prodotti tipici dei Monti Sicani offerti poi alla degustazione dei partecipanti al termine della manifestazione.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Antonio Zaccardi

Pashà Ristorante

Conversano (Ba)

3) Animelle, fagiolini e tartufo

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search