Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il caso il 22 Agosto 2019
di C.d.G.

Una bottiglia di Doc Sicilia Grillo venduta a 1,26 euro da Lidl (7,56 euro per sei bottiglie). E basta questo per scatenare un coro di indignazione. 

A lamentarsi alcuni produttori e tanti addetti ai lavori. Come è possibile che costi così poco? E' il dubbio che assilla molti vignaioli siciliani. La bottiglia di Doc Sicilia Grillo e il suo prezzo molto competitivo facevano bella mostra su uno dei volantini della nota catena di supermercati. Nella fattispecie per un periodo il vino è stato proposto in vendita in cassette dai sei bottiglie al prezzo di 7,56 euro che per l’appunto diventa 1,26 euro a bottiglia. Il volantino parlava genericamente di Grillo Terre Siciliane, ma in realtà chi è andato a vedere la bottiglia ha trovato sull’etichetta frontale la dizione Doc Sicilia Grillo. A marchio Corte Aurelio.

Di casi del genere negli ultimi anni ne abbiamo visti tanti. Non è il primo, né sarà l’ultimo, temiamo. È una delle cause della crisi che ha colpito il Nero d’Avola una ventina di anni fa e dal quale lentamente si sta risollevando. Sono le dinamiche del vino, difficili da contrastare soprattutto quando non c’è la visione di insieme di un territorio. A fare la differenza questa volta c’è un altro aspetto: la recente modifica al disciplinare che obbliga a produrre Doc Sicilia se vuoi mettere sull’etichetta il nome del vitigno Grillo o Nero d’Avola è stata adottata proprio per salvaguardare questi due vitigni importanti per la Sicilia del vino. E quindi evitare che si imbottigliasse fuori dalla Sicilia da imprenditori senza scrupoli. Ma il caso Lidl dimostrerebbe il contrario. Qualche produttore è andato a leggere l’etichetta del Grillo venduto da Lidl e ha scoperto che ad imbottigliarlo e metterlo in commercio è stata un’azienda veneta che molto probabilmente ha la possibilità di imbottigliare fuori dall’Isola perché beneficia di una deroga che è stata concessa a un gruppo di aziende contestualmente alla nascita della Doc Sicilia, una sorta di compromesso necessario che fu sancito quando fu definito il disciplinare della nascente denominazione sette anni fa.

È utile sapere che oggi un litro di Grillo Doc sfuso vendemmia 2018 viene venduto a circa 80/90 centesimi al litro. Ma c’è chi lo venderebbe anche a 30 centesimi. Colpa anche di giacenze significative della vendemmia scorsa. E con questi prezzi si comprende che forse il prezzo proposto da Lidl rischia di essere quasi coerente. Il problema però per il Grillo e la sua reputazione resta per intero. In Sicilia si producono secondo alcune stime 900 mila ettolitri di questo bianco oggi in voga. Ma ad essere imbottigliato è poco meno del venti per cento. Un fiume di Grillo. Che probabilmente andrebbe gestito con attenzione e coraggio per evitare prezzi troppo bassi. Il caso è aperto.

Sulla questione abbiamo sentito Giacomo Gagliano, direttore del laboratorio di Catania dell'Icqrf: "Quando riscontriamo prezzi così bassi, attraverso segnalazioni, oppure attraverso il lavoro sul territorio dei nostri ispettori, procediamo immediatamente alla verifica della tracciabilità del prodotto - spiega - Bisogna subito capire se di fronte abbiamo un prodotto contraffatto, quindi anche un'etichetta finta, stampata proprio per ingannare il consumatore. Dopo viene fatto il prelievo di un campione e, nei nostri laboratori di Catania, vengono effettuati esami specifici per comprendere se il vino contenuto nella bottiglia abbia tutte le caratteristiche ottimali della doc in questione. Se vengono riscontrate delle anomalie, denunciamo subito il malfattore nei casi più gravi, oppure semplicemente applichiamo una sanzione amministrativa. I nostri ispettori in Sicilia, hanno la facoltà di prelevare direttamente i prodotti per le verifiche necessarie. Per il caso della Lidl, ci attiveremo immediatamente per capire se dietro ci siano eventuali irregolarità".

C.d.G.


Commenti   

0 #2 nicolo cerni 2020-09-10 13:45
salve, Aldi ha risposto con un lungo pippotto che nega tutti i miei addebiti sul sapore, i solfiti ecc.ecc.la verità è che questi impobbitliatori fanno di tutto, mosti centrifugati, correzioni ecc.ecc. basta un esame gascromatografo per chiarire tutto ma nesusno lo fa.....ovvi i motivi
Citazione
+1 #1 Antonio 2020-07-14 16:45
dopo tante parole comunque non è stato data una risposta alla domanda "ci sono irregolarità"? Nel caso quando segnalerete? Come pubblicherete le Vostre conclusioni
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Ciro Scamardella

Pipero

Roma

1) Raviolo di cavolfiore, vaniglia e capasanta

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search