Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il caso
Massimo Bottura - ph Vincenzo Ganci

di Clara Minissale

Ho deciso che voglio farmi un regalo. Sono reduce da due mesi di dieta forzata, una sorta di messa a punto dell’organismo, come si fa periodicamente con le automobili e oggi, finalmente, voglio regalarmi un pranzo di quelli speciali.

Decido di affidarmi al delivery, grande scoperta dei mesi del lockdown e naturalmente non ne scelgo uno qualsiasi, ma il migliore, quello di Franceschetta, la sorella minore di Osteria Francescana, il regno di Massimo Bottura, chef tre stelle Michelin. Il sito mi guida al delivery: “Scegli i tuoi piatti, componi il tuo menu e ricevilo a casa!” recita il banner. Bene, penso, ci siamo, scelgo ed è fatta. Leggo come fare e alla voce “Come funziona”, i miei sogni di gustare tortellini in crema di parmigiano, cavolfiore, miso, cavolo rapa marinato e capperi fritti, costoletta di maiale con pure di patate al tartufo, cappuccio marinato, salsa al balsamico e, infine, zuppa inglese, si infrangono contro un asterisco. Sta lì, piccolo che quasi mi sfuggiva e dice che le spedizioni sono disponibili in tutta Italia ma “*sono escluse le isole (Sicilia e Sardegna), Calabria e la provincia di Potenza non riuscendo a garantire la consegna in 72 ore”.

Ancora? Di nuovo? Per sempre? Mi chiedo per quanti anni ancora noi isolani dovremo stare attenti a questi asterischi, fare i conti con strade inadeguate, collegamenti lenti, politiche miopi che ci negano la possibilità di stare al passo col resto del Paese. Il delivery stellato per molti è poca cosa, mi rendo conto, ma è la cartina al tornasole di come (non) funzionino le cose ancora oggi, nell’anno in cui, più di tutti, trasporto merci e consegne a domicilio sono diventati per molti esercenti e privati cittadini, l’unica possibilità di avere a disposizione beni che altrimenti sarebbero irraggiungibili. Il delivery di Bottura arriva da Modena in tutta Italia in massimo 72 ore. Queste stesse ore non sono sufficienti ad arrivare in Sicilia. Perché? Di chi è la responsabilità? Lo chef non riesce a garantire la qualità dei suoi prodotti se si sfora questo arco temporale e noi dobbiamo rinunciare in partenza, adattandoci, come storicamente siamo stati costretti ad imparare a fare, a questa irraggiungibilità.

E invece no, dovremmo protestare, soprattutto oggi che si abbattono le barriere, si colmano distanze, si fa tutto (o moltissimo) online. Oggi che anche chef e produttori siciliani hanno parecchio da dire al resto d’Italia e, immagino, abbiano lo stesso problema ma al contrario: spedire qualcosa ed essere certi che arrivi a destinazione in poco tempo per garantire la qualità. Quanto a me, per farmi un regalo dovrò pensare ad altro. Magari mi concentrerò su un delivery isolano. Ma non è detto che ciò che sceglierò effettui consegne in tutta la Sicilia… E un pensiero va agli amici calabresi, irraggiungibili senza nemmeno il beneficio di essere un’isola.

Commenti   

-1 #4 Michelangelo 2020-12-13 21:20
Ma che te frega di avere il delivery di Bottura!!
Se vuoi farti un regalo vai in un ristorante stellato in tempi migliori..Licata..Ragusa
Citazione
+1 #3 Fabio 2020-12-13 20:48
Scusa, ma cosa c'entra Bottura se i corrieri specie in questo periodo non possono garantire le 72 ore? non è Bottura che non vuole arrivare al Sud, sono i corrieri che non sono in grado di recapitare la merce in tempo. Per carenze infrastrutturali ben note.
Citazione
+4 #2 Teresa Armetta 2020-12-13 12:12
Hai ragione Clara , vale anche per le spedizioni in partenza per cui ci rincresce a rifiutare gli ordini se spedirle ha lincognità della celerità nella consegna.I nostri prodotti non si possono permettere giacenze infinite tra i vari passaggi da corriere in corriere , ad oggi vittime di infrastrutture carenti (strade , ferrovie, traghetti) oltre agli esorbitanti costi... fino a quando il genio di turno non troverà il modo di usare i rider anche per questo. Usare? Sfruttare! Noi ci dissociamo
Citazione
+5 #1 Biagio 2020-12-13 10:00
DHL consegna anche in Sicilia in 72 ore, è haccp certificato e lo fa a temperatura controllata. Però, forse, non c'è a Modena :-| :-|
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Michele Rizzo

Agorà ristorante di pesce

Rende (Cs)

2) Carbonara di alici

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search