Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il caso il 27 Aprile 2020
di Giorgio Vaiana

Sommersi dalle dichiarazioni di ministri e virologi, ognuno dice la sua in una sorta di impazzimento collettivo, c’era sembrato che il 18 maggio fosse la data giusta per consentire a bar e ristoranti di riaprire le porte seppure con le cautele del caso.

Ed invece, un po’ a sorpresa, il governo ha prorogato la chiusura di altre due settimane. Così se i bar e ristoranti erano già in difficoltà adesso gli è stata data la mazzata finale. A conti fatti saranno per i locali pubblici quasi tre mesi di chiusura. Una stagione dell’anno, per intenderci. Chi avrà la forza di riprendersi e ripartire? Se alla chiusura aggiungete anche la magrissima figura di un presidente del Consiglio che assicura a tutti gli italiani che in poche ore avrebbero avuto fino a 25 mila euro sul conto corrente per poi scoprire che non sarà così, c’è da essere terrorizzati. Nessuna liquidità in arrivo per molti piccoli esercenti dei locali perché le banche non sembrano disposte ad aiutare chi è già in difficoltà. Un bel guaio.

E non basta il fatto che sia stato concesso l’asporto. Perché l’asporto in alcuni casi serve a ben poco. E comunque vedremo se poi i poveri ristoratori e i titolari di bar e locali a partire da lunedì 4 maggio saranno lasciati in pace oppure dovranno avere il fiato sul collo su ogni passo che faranno. Noi temiamo controlli asfissianti. E così al danno della chiusura prorogata fino all’1 giugno ci sarebbe la beffa di un asporto che non riesce a decollare.

La situazione è preoccupante. Serve una mobilitazione generale della categoria. Il danno economico è enorme. Ma per tutta Italia perché la somministrazione di cibo e il relativo indotto sono un pezzo importante del nostro prodotto interno lordo. Noi vorremmo che il governo anticipasse la riapertura al 18 maggio. Che poi non si capisce: l’1 giugno è un lunedì, ma è dentro un ponte festivo tra la domenica e la festa della Repubblica che è il giorno dopo. Non si poteva già aprire il 30 maggio per salvare un po’ un piccolo periodo di vacanza? O in questo Paese contano ormai di più i virologi che si contraddicono e si insultano a vicenda?

C.d.G.

 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Ciro Scamardella

Pipero

Roma

1) Raviolo di cavolfiore, vaniglia e capasanta

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search