Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il caso il 09 Maggio2022

L'hanno definita concorrenza sleale e hanno deciso di combatterla in tutte le sedi possibili.

Stiamo parlando dell'Illva di Saronno con uno dei suoi prodotti più celebri, l'Amaretto di Saronno. Basta solo il nome per "disegnare" la sua celebre bottiglia: forma rettangolare a mattone, angoli smussati, con un tappo grosso e nero a forma di prisma, lettere dorate incise sulle facce. Ebbene, come racconta il Corriere, proprio intorno all’unicità e originalità di quella "sagoma", composta da tappo e bottiglia (ed etichetta dorata, tutti marchi registrati), che da anni è in corso davanti al Tribunale, alla Corte d’Appello di Milano e alla Cassazione una battaglia legale rimasta finora sotto traccia, ma in qualche modo "epocale" nelle controversie giuridiche sulla contraffazione. Basta considerare chi è la controparte che l’azienda di Saronno accusa di aver "copiato", prodotto e commercializzato in Italia e in Europa un amaretto che, nella "confezione", replicherebbe in forma ingannevole l’originale: il gruppo Lidl, colosso tedesco dei discount, che solo in Italia ha 20 mila dipendenti e 700 supermercati.

Illva Saronno ha vinto nei primi due gradi di giudizio contro Lidl Italia e, in un processo parallelo, ha appena incassato un altro successo dalle sezioni unite della Cassazione: anche la causa contro la "casa madre" in Germania si svolgerà di fronte a un giudice italiano. "Contraffazione del marchio e concorrenza sleale": questo Illva Saronno (assistita dai legali Stefano de Bosio e Giuliano Vecchione) contesta alla Stiftung, la fondazione tedesca del gruppo Schwarz a cui oggi fanno capo supermercati e discount in 31 Paesi del mondo - silegge nel Corriere - E qui sta un elemento chiave, perché già durante il primo grado di giudizio contro Lidl Italia s’è scoperto che il 90 per cento delle bottiglie, presunte copie dell’originale, venivano vendute all’estero, oppure online, e per questo Lidl Italia si è "chiamata fuori" dal 90 per cento della contestazione. Ecco perché la prima causa (della quale s’attende la conclusione in Cassazione, e in seguito l’eventuale risarcimento in sede civile) s’è svolta pacificamente in ambito italiano: la seconda però si è allargata verso la casa madre in Germania, secondo Illva Sarono responsabile del restante 90 per cento dell’ipotizzata contraffazione.

E si arriva così alla sentenza delle sezioni unite della Corte suprema, pubblicata lo scorso 29 aprile. La bottiglia presunta imitazione ha un nome: Armilar. Per avere un’idea: quando l’azienda di Saronno chiede che il prodotto della Lidl sia ritirato dal commercio, si parla di 11 milioni di bottiglie. Il liquore della Lidl, pur se la "testa" dell’azienda è in Germania, viene prodotto per Lidl in provincia di Modena dalla "Casoni fabbricazione liquori Spa", una delle più antiche distillerie italiane, con oltre 200 anni di storia. Davanti alla Cassazione, i vertici delle aziende tedesche hanno sostenuto di "non aver mai prodotto, venduto o esportato la bottiglia “Armilar”", attività che sarebbero "imputabili esclusivamente alla Casoni", anche se la proprietà del marchio europeo della bottiglia è appunto della Lidl. In questa ricostruzione, "non ci sarebbe prova della commissione di attività illecite in Italia". La Cassazione invece, spiega l’avvocato Stefano de Bosio, "verificando che il “mandante” del progetto commerciale possa essere la Lidl tedesca, ha stabilito il principio che proprio il “mandante” possa essere perseguito nel Paese in cui avviene la produzione, anche se il prodotto viene poi venduto fuori dall’Italia". Anche questa costola in parte internazionale della causa sarà dunque discussa davanti al tribunale di Milano. Nel frattempo Lidl continua a vendere anche in Italia il suo liquore alla mandorla, prodotto a Modena: la bottiglia è sempre la stessa, ma è sigillata da un semplice tappo sottile e rotondo, abbastanza anonimo, che non mima in alcun particolare quello dell’originale. E così l’amaretto Lidl non ricorda più la sagoma del Disaronno.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Giannico Carruggio

Cantina Gianfranco Fino

Manduria (Ta)

1) Gambero marinato

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search