Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il caso il 11 Febbraio2021
Nicola Fabbri

La sentenza sarà storica. Perché è raro vedere che il tribunale cinese si pronunci a favore di una società straniera. Meglio, italiana.

Da un lato, sul tavolo dei giudici, c'è la Fabbri 1905, la celebre azienda italiana impegnata nel settore dolciario. Una holding che esporta oltre 1.300 prodotti in più di 100 nazioni, per un fatturato vicino ai 90 milioni di euro nel 2019. Da noi è famosa per l’Amarena Fabbri, imbottigliata negli speciali vasi di ceramica di Faenza decorati di blu e bianco. E qui viene il nocciolo della questione cinese. Un’azienda di Tianjin aveva pensato bene di copiare la confezione. Scrive il Corriere: "Nicola Fabbri, profondo conoscitore del mercato cinese dove la ditta di famiglia è sbarcata nel 1999, ha deciso di dare battaglia citando in giudizio i ladri di proprietà intellettuale. L’avvocato Lara Gualdi del Foro di Bologna e lo studio cinese HFG Law Firm hanno esposto il caso di concorrenza sleale nel 2019 alla Corte del Popolo del Distretto di Shanghai Yangpu. Ora la sentenza che dà ragione all’azienda italiana e le riconosce l’alta reputazione del nome e del packaging".

Insomma, un successo importante. Per Nicola Fabbri è non solo la conclusione di una vicenda giudiziaria, ma anche una soddisfazione morale. Dice al Corriere: "Per me Shanghai è una seconda patria, abbiamo lavorato con umiltà per entrare nel mercato cinese, arrivando più di venti anni fa. Ci siamo aperti uno spazio di nicchia a piccoli passi, investendo molto senza guardare ai risultati immediati, perché le aziende familiari non debbono pensare solo al risultato delle singole trimestrali ma al lungo periodo. Noi abbiamo dietro cinque generazioni familiari a partire dal 1905. Non è stato facile: ricordo bene le prime analisi di mercato, quando i consumatori cinesi ci dicevano che il gusto dell’amarena ricordava quello del loro sciroppo per la tosse. Li abbiamo convinti con pazienza, abbiamo anche costituito una scuola per pasticceri e baristi cinesi, per imporre i nostri prodotti sviluppati con senso della tradizione a artigianalità".

C.d.G.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Caterina Ceraudo

Ristorante Dattilo

Crotone

4) Olio e vino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search