Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il caso il 29 Aprile2022
Il presidente uscente Stefano Di Marzo e la neo presidente Teresa Bruno

Teresa Bruno della Cantina “Petilia” è il nuovo presidente del consorzio Vini d'Irpinia.

Una svolta per il consorzio campano che elegge, per la seconda volta, una donna al vertice più alto dell'associazione (dopo Milena Pepe). Ma le elezioni rischiano di avere pesanti strascichi legali e di venire annullate. Facciamo un po' il punto della situazione. Le elezioni si sono tenute al Paladelmauro di Avellino. Erano già state rinviate una prima volta per alcuni dissapori tra le due fazioni candidate alla presidenza (ne parlavamo in questo articolo). Da un lato lo schieramento a sostegno di Teresa Bruno capitanato da Feudi di San Gregorio, dall'altra quella a sostegno di Marco Todisco, titolare dell’azienda vitivinicola “Femi’a”, ispirata da Piero Mastroberardino ed interprete di una linea in chiara e dichiarata continuità rispetto all’operato del Cda uscente presieduto da Stefano Di Marzo di Cantina “Torricino” che non si è ricandidato. Alla fine l'elezione della Bruno è al fotofinish. Ci sono appena 13 voti di scarto tra i due contendenti. Ma le polemiche non si sono mai placate. Pare con posizioni estremiste, come quella dello stesso Mastroberardino che nel discorso in assemblea avrebbe minacciato defezioni qualora il risultato avesse premiato, così come accaduto, la lista Bruno.

Ma non è finita qui. Perché al termine dello spoglio, l'ex presidente Stefano Di Marzo ha evocato il comma 5 dell’articolo 2.372 del Codice civile, sostenendo che i Consiglieri di Amministrazione uscenti non avrebbero potuto votare e che, dunque, sottraendo quei voti alla conta la vittoria andava riconosciuta a Todisco. Per il gruppo a sostegno di Bruno, però, la precisazione di Di Marzo va fatta cadere nel vuoto, "in quanto l’articolo richiamato si applica alle società per azioni, non al Consorzio di Tutela" e che "nel corso di questi venti anni i consiglieri uscenti hanno sempre votato" oltre che "lo stesso di Marzo ha partecipato alle operazioni di voto". Tensione altissima. Ma la partita pare non essere chiusa. La neo presidente non ha risposto mai alle nostre telefonate. Mentre Di Marzo si è trincerato dietro un "no comment", assicurando che ne sapremo di più nei prossimi giorni. Intanto la cronaca. Teresa Bruno è il nuovo presidente con appena 13 voti di scarto su oltre 3 mila votanti. Con lei è stato anche eletto il nuovo Cda: Sabino Basso, Ilaria Petitto, Maura Sarno, Bruno Picariello, Oreste De Santis, Fabio De Boumount, Antonio Melone, Arturo Erbaggio, Claudio De Luca e Raffaele Panarella. Ma il futuro resta incerto. E stiamo parlando di un consorzio composto da 540 soci e che produce oltre 8,3 milioni di bottiglie (tra Greco di Tufo 3,2 milioni; Fiano di Avellino 1,9 milioni; Taurasi 830 mila; Irpinia 2,3 milioni). Sono duemila gli ettari rivendicati dal consorzio (600 per il Greco di Tufo, 400 di Fiano di Avellino e mille di Aglianico) che si trovano in 26 comuni per la Docg Fiano di Avellino, 8 comuni per la Docg Greco di Tufo, 19 comuni per la Docg Taurasi e per l'Irpinia tutti i comuni della provincia di Avellino.

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Antonio Bufi

La Gattabuia

Matera

3) Barbabietola al cartoccio

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search