Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il caso il 03 Novembre 2020
di Giorgio Vaiana

Producevano, imbottigliavano e commercializzavano, soprattutto all'estero, vino con false indicazioni relative a denominazioni di origine geografica garantita e tipica,

utilizzando in etichetta marchi, segni distintivi e caratteristiche grafiche e tipografiche che indebitamente imitavano marchi registrati e il design del packaging di vini pregiati prodotti in Toscana. Nel mirino, in particolare, alcuni dei "gioielli" del vino italiano come Sassicaia, Brunello di Montalcino e Chianti di notissime aziende vinicole. Ma grazie alle indagini dei carabinieri del Nas di Firenze, l'organizzazione è stata scoperta. Alcune delle province interessate dall'operazione "Geminus": Firenze, Prato e Padova, dove i militari del Nas di Firenze, con la collaborazione dei colleghi di Padova e dei rispettivi comandi carabinieri provinciali, a conclusione dell'indagine coordinata dalla procura di Pistoia, hanno eseguito quattro decreti di perquisizione nei confronti di tre indagati e di una società di import-export con sedi in Italia e in Cina. I tre cittadini cinesi perquisiti sono indagati, insieme ad altre quattro persone, tra cui altri cinesi e italiani per aver prodotto, imbottigliato e commercializzato, soprattutto all'estero, vino con false indicazioni relative a denominazioni di origine geografica garantita e tipica, utilizzando in etichetta marchi, segni distintivi e caratteristiche grafiche e tipografiche che indebitamente imitano marchi registrati e il design del packaging di vini pregiati prodotti in Toscana.

L'indagine è stata avviata a marzo dello scorso anno in seguito a una segnalazione pervenuta al Nas di Firenze da parte di una societa produttrice di vino Doc Sassicaia, relativa all'esposizione di "cloni" di Sassicaia e di altri vini toscani di pregio documentata nel corso di una importante fiera a Chengdu (Cina). Gli investigatori del Nas hanno poi individuato il punto di origine delle bottiglie presso un'azienda agricola in provincia di Pistoia ma con ramificazioni anche in provincia di Siena, nelle zone del Chianti e di Montalcino. Dalle indagini è stato accertato che su una nota piattaforma on line di vendita c'erano state pregresse importanti movimentazioni di vino Chianti rosso in bottiglia in partenza dal Pistoiese verso Hong Kong e la Cina

Inoltre le stesse indagini del Nas di Firenze hanno potuto intercettare presso il porto di La Spezia, in collaborazione con l'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, alcune partite di bottiglie di vino rosso spedite verso quelle destinazioni, prive dell'etichetta frontale. Grazie anche alla collaborazione dei legittimi titolari dei marchi, il Nas ha ricostruito i rapporti tra l'azienda vitivinicola toscana e alcune societa' di import-export di merci varie con sede in Italia e in Cina, gestite da asiatici. Queste aziende, gia' in affari tra loro dal 2015, grazie all' intermediazione del mediatore di Prato, spiegano gli investigatori, avevano realizzato l'accordo per inviare in Cina, a partire dal 2018, bottiglie munite di sola retro-etichetta, triangolate cartolarmente su societa' di comodo con sede in Hong Kong. A destinazione, con la connivenza del produttore italiano, venivano apposte le etichette frontali create tipograficamente a imitazione di quelle dei vini italiani tra i piu' importanti e conosciuti sul mercato internazionale. I vini erano poi commercializzati da una societa' cinese, ritenuta collegata alle altre, ed erano destinati al mercato cinese e al mercato online tramite una delle piu' note piattaforme asiatiche di e-commerce. L'indagine, spiegano ancora gli investigatori, ha quindi evidenziato la sussistenza di canali commerciali illegali di "eccellenze" agroalimentari nazionali italiane oggetto di "plagio" sia nella qualita' merceologica che dei marchi. Le grafiche delle etichette contraffatte, giudicate simili alle originali dagli stessi esperti del settore, dimostrerebbe "la notevole capacita' offensiva di tali condotte criminali abili nello sfruttare lo status symbol rappresentato da brand famosi e, nel contempo, di permeare in spazi commerciali amplificati anche dell'e-commerce e dalla globalizzazione economica".

C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Savino Di Noia

Antica Cantina Forentum

Lavello (Pz)

2) Miskiglio lucano con ragù di salsicce, crema di cicoria, mollica e peperone crusco

Sud Top Wine

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search