Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il caso il 27 Marzo2021
La mega-nave Ever Given che blocca il Canale di Suez

Quanti giorni ci vorranno ffinché il canale di Suez venga riaperto e riprenda il transito delle navi?

Difficile saperlo. C'è chi dice giorni, chi intere settimane. Intanto si parla di danni per milioni di dollari. Ma facciamo odine. Qualche giorno fa, forse a causa del maltempo, la mega-nave portacontainer Ever Given, gestita dall’Evergreen Group di Taiwan, si è incagliata in un banco di sabbia bloccando di fatto il traffico nel canale. Le operazioni di salvataggio del colosso, lungo 400 metri e largo 59, sono già in corso, ma non c'è certezza su una loro fine. Con ripercussioni importanti sul commercio e sulla logistica mondiale. Se lo stop delle tratte da Suez non influenzerà i grandi rivenditori statunitensi, le aziende europee vedranno complicarsi non di poco la propria logistica. Nel 2020 il commercio via mare tra l’Italia e i paesi asiatici attraverso Suez è stato pari a 82,8 miliardi di euro, il 40,1% del commercio marittimo complessivo del nostro Paese. Ad oggi sono circa 300 le navi che stanno aspettando che si liberi il passaggio. Sono cariche di petrolio, componentistica per automobili e beni di consumo come vino, olio e cereali. M

a cosa rischiano le aziende? "Gli effetti a breve termine del blocco del Canale — spiega Chris Rogers, analista commerciale per S&P Global Market Intelligence’s Panjiva al Corriere — saranno un aumento potenziale dell’esaurimento delle scorte nei beni di consumo e il rischio per le catene di approvvigionamento manifatturiero just-in-time che erano già state scosse dalla Brexit e dalle carenze di materie prime". Molte compagnie di navigazione stanno quindi pensando di circumnavigare l’Africa sulla rotta del Capo di Buona Speranza. Come detto, però, anche i nostri prodotti, olio e vino in testa, transitano da queste parti. E si guarda alla situazione con molta preoccupazione. Il vino in particolare con un valore di quasi 100 milioni di euro è tra le principali voci dell’export agroalimentare made in Italy in Cina. Nel 2020 ha raggiunto il record storico di 548 milioni di euro. Ad essere intaccato è poi l’intero mercato mondiale delle materie prime agricole.

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Caterina Ceraudo

Ristorante Dattilo

Crotone

3) Spigola, limone candito e emulsione di spigola

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search