Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il caso il 25 Marzo2013

E' stata convocata una riunione urgente, domani gli allevatori e i produttori aderenti al Consorzio Mozzarella di Bufala Campana Dop discuteranno, insieme ai vertici, sul da farsi.

C'è agitazione tra coloro che producono il fiore all'occhiello del Made in Italy. Ad avere fatto scattare l'allarme una norma di attuazione pubblicata qualche giorno fa sulla Gazzetta Ufficiale.

In poche parole costringerebbe i produttori a mettere in piedi nuovi stabilimenti creati appositamente per fare mozzarella di bufala Dop, diversi da quelli dove attualmente producono la mozzarella e anche la ricotta e altri formaggi per smaltire il latte eccedente la produzione. Infatti come obbliga il disciplinare: la mozzarella Dop può essere solo fatta con il latte della mungitura mattutina e serale entro sessanta ore dalla stessa mungitura, il latte fresco e di qualita' che avanza - sia quello prodotto in eccesso sia quello che non si riesce a lavorare entro le 60 ore previste dal disciplinare - viene utilizzato per i formaggi. 

L'operazione è esosa e costerebbe ai piccoli produttori investimenti di milioni di euro, in un periodo dove poi mancano le risorse finanziarie. L'urgenza dell'incontro non solo è stata dettata da quanto prescrive la norma ma anche dai tempi, strettissimi, entro cui si dovrebbe attuare ciò che richiede: non oltre il primo di luglio. Non lascia poi molte alternative questa norma. Solo due vie, o la distruzione del latte o, la produzione di mozzarella non Dop se si vuole continuare ad utilizzare lo stesso stabilimento dove si producono anche ricotta e formaggi. 

Come ha dichiarato in una nota Antonio Lucisano, il direttore dl Consorzio, "la norma è incomprensibile e mette a rischio l'intero comparto". Ma i produttori della mozzarella Dop contestano anche il disciplinare, a loro dire troppo rigido. ''Il nostro compito è quello della vigilanza - aggiunge Lucisano -  e anche quello di fare proposte. Finora le nostre richieste sono rimaste inascoltate". Il comparto dà lavoro a 15mila addetti e ha un fatturato annuo di 500 milioni di euro.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Massimo Quacquarelli

Ristorante Corteinfiore

Trani

2) Medaglioni di rombo con patata e cicoriella, funghi cardoncelli e pomodorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search