Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il caso il 26 Giugno 2020
di Giorgio Vaiana

Nel tentativo di incassare l'amore del Regno Unito per lo spumante a prezzi accessibili e l'ascesa di bevande a basso contenuto alcolico, Les Grands Chais de France, una delle principali aziende vinicole di proprietà privata della Francia, ha lanciato un prodotto chiamato "Nosecco" al London Wine Fiera a maggio 2017.

E il prodotto ha avuto notevole successo, tanto che era disponibile presso numerosi rivenditori tra cui Asda, Tesco, Morrisons, Co-Op e Amazon. Solo che la questione varcò i confini del Regno Unito per arrivare alle orecchie (e agli occhi) dei produttori di Prosecco. Nell'ottobre 2018 il consorzio della Doc Prosecco ha sollevato obiezioni al marchio, portando l'ufficio della proprietà intellettuale del Regno Unito a respingere una domanda di registrazione del marchio "Nosecco" per il motivo che è fuorviante e troppo strettamente associato alle bollicine italiane. Les Grands Chais de France ha affermato che il nome non intendeva competere con il Prosecco nel Regno Unito. La società ha sostenuto che il nome deriva in realtà dalla parola italiana "secco", che significa "dry", e anche per evidenziare la mancanza di alcol. La cantina francese ha fatto appello alla decisione dell'ufficio della proprietà intellettule e il caso è arrivato fino all'Alta Corte che ha emesso una importante sentenza nei giorni scorsi, pronunciandosi proprio a favore del consorzio veneto e quindi impedendo alla cantina francese di usare il nome "Nosecco". Il giudice Nugee ha detto alla corte che non era necessario che il tribunale spiegasse loro la somiglianza tra Nosecco e Prosecco. Sono stati citati diversi post sui social media che hanno dimostrato che i consumatori stavano già realizzando il collegamento da soli.

C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

2) Gnocchi ripieni di baccalà mantecato, gamberi e spugnole

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search