Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il caso il 10 Luglio2017


(Fabio Ferracane)

Era ovvio che le parole di Nino Barraco, raccolte in una nostra intervista (leggi qui), avrebbero avuto una eco formidabile. Barraco "ha dato il la" perché i produttori marsalesi prendessero coscienza (ancora di più) di quello che sta per succedere. 

Con l'obbligo di dichiarare in etichetta "Grillo" e "Nero d'Avola" solo se si tratta di vini Doc Sicilia, questa parte della Sicilia occidentale, che lavora principalmente con questi due vitigni, rischia di "affossare" nei meandri dei "vini tutti uguali". Il Grillo storicamente nasce da queste parti, tra le saline e i paesaggi mozzafiati al tramonto che potrebbero diventare patrimonio Unesco. Un vitigno, il Grillo, che si presta a una vinificazione ossidativa. E che sta catturando sempre di più le attenzioni dei mercati del mondo. Ma la Doc Sicilia ha un po' modificato i piani di alcuni produttori: perché la scritta "Grillo" (o Nero d'Avola) potrà essere dichiarata solo se Doc Sicilia. Quindi che rispetta un disciplinare. E, ad oggi, molti dei vini prodotti dai vignaioli marsalesi, non rientrebbero nella Doc Sicilia. "Dobbiamo dare merito a Nino di aver detto queste cose - dice Fabio Ferracane, dell'omonima cantina marsalese - Lui è sempre il primo a dar voce alle nostre problematiche. La Doc Sicilia snaturalizza il nostro modo di essere artigiani del vino di Marsala". 

Il disciplinare, infatti, è la questione spinosa: "Il colore, l'acidità volatile, il carico di pectine, sono tutti parametri che i nostri vini non avrebbero - dice Fabio - E io in etichetta non potrei scrivere "Magico Grillo". Ma per quale motivo? La mia clientela, parlo non solo di quella siciliana, ma soprattutto di quella che acquista i miei vini al Nord e all'estero, ormai è legata tradizionalmente a questa indicazione. Vuole sapere subito con gli occhi quello che sta bevendo". Insomma ok la tutela dei grandi, dice Fabio, "ma si rispetti il fatto che sul territorio ci sono ancora piccoli produttori che fanno il vino in maniera artigianale, senza fretta, che sperimentano. I big del vino siciliano vanno rispettati, per carità, ma la Doc Sicilia si ricordi delle nostre esigenze e della nostra fetta di mercato che è sempre più richiesta". Perché come diceva Barraco, infatti, le piccole produzioni artigianali stanno sempre di più conquistando le attenzioni degli eno-appassionati. E non solo. "Noi facciamo vini che sanno di territorio, profumano dei nostri vigneti - dice Fabio - utilizziamo lieviti indigeni e pochissimi solfiti. Sono le nostre caratteristiche e i nostri punti di forza che il disciplinare della Doc Sicilia vuole toglierci. Noi, però, amiamo questi vini fatti in casa. E non possiamo arrenderci a fare vini "tutti uguali"".

Anche Giuseppina De Bartoli la pensa come Nino e Fabio: "Si tratta delle solite Doc e leggi del vino che non tengono conto del concetto di territorio, di storicità, di qualità e verità di produzione e andamento delle annate - dice - Si vuole standardizzare tutto, come sempre. Il nostro Grappoli del Grillo, che produciamo da 1991, è stato più volte "bocciato" dalla Doc, pur proveniendo da bassissime rese, vendemmie manuali, selezione su selezione dei grappoli, utilizzo di soli lieviti indigeni e mille altre attenzioni. Più Grillo di così è difficile. Eppure... Chi ha stabilito i parametri di questa Doc? Su cosa si basa? A chi giova tutto ciò? Non certo alla qualità e alla garanzia per i consumatori, che rischiano di non poter leggere in etichetta con quale vitigno è stato prodotto un vino, se questo non passa i parametri di questa Doc. Per non parlare appunto che l'identità storica del Grillo per la produzione dei vini ossidativi e da invecchiamento verrà totalmente persa".

"Credo che ci siano degli spiragli di discussione - dice Fabio - ma dobbiamo agire in fretta. E tutti insieme. Fare la Doc Sicilia con i miei vini? Io non la farò. E se resta il disciplinare? Penserò a qualcos'altro". 

G.V.

 

 

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Luca Abbruzzino

Ristorante Abbruzzino

Catanzaro

3) Anatra, kumquat e semi di zucca

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search