Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Giada Giaquinta

Christian Guzzardi
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Maddalena Peruzzi
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Marcella Ruggeri
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni
Alessia Zuppelli

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il caso il 03 Giugno2013

Imbocco per la milionesima volta la Palermo Sciacca, la statale 624 chiamata anche fondovalle, che taglia in due la Sicilia Occidentale.

Percorrere questa strada in questo periodo significa attraversare un paesaggio tra i più belli. Verde ovunque, ancora per poco, talvolta colline con cipressi, uliveti e soprattutto vigneti che proprio in queste settimane esprimono la massima intensità di colore e di foglie. Le coltivazioni di uva si lasciano ammirare sulle alte colline ma lambiscono la strada, soprattutto dopo i primi 20 chilometri, quando davanti ai vostri occhi si spalanca la valle dello Jato. Da quel momento infatti è un unico immenso palcoscenico dove la vite è protagonista e lo sarà per circa trenta, quaranta chilometri. Ora chiunque attraversi questa strada, soprattutto non siciliano perchè i siciliani lo sanno già, si accorgerebbe che qui si produce vino, che c'è una straordinaria vocazione per il vino. Peccato però che non ci sia nulla che lo ricordi. Qualche cartello aziendale sparuto, niente di più. Eppure si attraversano i territori di alcune Doc, tra cui Monreale e Contessa Entellina. E comunque, Doc a parte, è davvero insolito e privo di senso che non ci sia qualcosa che faccia capire che stiamo attraversando un territorio tra i più vitati d'Italia. Non c'è nulla. Eppure in quei 40 chilometri di strada si concentrano piccole e grandi cantine siciliane, marchi storici e produttori emergenti, aziende da centomila e da tre milioni di bottiglie. Di tutto, insomma. E di più. Eppure niente. La solita sconfitta del buon senso, quello che servirebbe per dire che una volta tanto fare qualcosa insieme sarebbe utile a tutti. Un cartello che indicasse i territori delle Doc o un altro che indicasse tutte le cantine presenti non costerebbe nulla e sarebbe un bel richiamo enoturistico per tutta la zona.

E se proprio vogliamo fantasticare ci immaginiamo pure la creazione di un wine shop lungo la strada che venda tutte le etichette delle aziende (non ci risultano enoteche nelle vicinanze) e che magari consenta di acquistare altri prodotti come la Vastedda del Belice o della ricotta calda quando è il periodo migliore. Cose di qualità non per truffare i forestieri e sotto il controllo delle stesse aziende. Forse siamo troppo sognatori ma davvero non si potrebbe osare? Non possiamo credere che sarebbe inutile nè tanto meno che ogni cantina non abbia il bisogno di aggregarsi nel segno di una identità territoriale. E non ci si venga a dire che queste cose dovrebbero farle le istituzioni, i comuni o altri enti pubblici. Qui tocca al privato. E se i produttori si muovessero sarebbe determinante. Già, i produttori. Tanto lungimiranti e illuminati all'estero quando calcano le passerelle delle fiere e delle degustazioni. E tanto miopi a casa propria?

F.C.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Nino Ferreri

Limu - Bagheria (Pa)

2) Riso cicale di mare, limone e bottarga

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2023 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search