Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Contributors

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone
Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri
Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri
Enzo Raneri

Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione
eventi
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il caso il 30 Maggio 2012
di C.d.G.


Isola di Mothia 

Un’intera produzione compromessa.

Questa volta non c’entra alcun parassita o evento climatico estremo. C’entrano i conigli.

Accade sull’isola di Mothia. Perla archeologica ed enologica di 42 ettari, baluardo dei Fenici di fronte la costa marsalese. Un fenomeno anomalo che ha messo in allarme la Fondazione Giuseppe Whitaker che cura il Museo omonimo sull’isola e la Provincia regionale di Trapani, ente gestore della riserva naturale Isola dello Stagnone-Mothia.
 
Il numero dei conigli, che da sempre popolano l’area, si sarebbe accresciuto notevolmente in quest’ultimo periodo. Ad avere fatto le spese di questo aumento della popolazione sono stati i germogli delle uve Grillo coltivate dallo staff della Fondazione. Dieci ettari di vigneto. Sarebbero stati tutti divorati. Inoltre va ricordato che in quanto area protetta sull'isolotto è vietata qualsiasi attività di caccia. 


Maria Enza Carollo

Il danno, da una prima stima, ammonterebbe a 100mila euro, ma  la cifra potrebbe aumentare, come ci dice la direttrice, Maria Enza Carollo. “Abbiamo avviato le procedure per potere mettere in atto delle soluzioni al problema. La Provincia regionale di Trapani ha adesso le carte della perizia. Loro dovranno decidere come contenere questo fenomeno. Mai avevo visto una cosa del genere. Solo dieci anni fa accadde qualcosa di simile. L’altro giorno, subito dopo l’allarme lanciato dai custodi subito  mi sono recata al vigneto e davanti a me vi erano una ventina di conigli”.

In attesa che la Provincia valuti come agire, la direttrice anticipa che provvederanno a tamponare gli attacchi al vigneto mettendo delle reti. “Potrebbero rosicchiare i tralci della vite, il danno aumentarebbe”. Da quelle uve nasce il Grillo Mozia di Tasca d'Almerita, un bianco che ha ottenuto in questi anni un buon successo tra il pubblico dei wine lover. Tra l'altro con questo vino l'azienda contribuisce al mantenimento della Fondazione con royalty del 7 per cento sull'intero fatturato. E pertanto l'annata 2012 di questo vino è seriamente a rischio.

Fu Giacomo Tachis, il principe degli enologi italiani, che quindici anni fa fece accendere i riflettori su Mothia, la sua storia e la sua viticoltura creando le condizioni perché si parlasse del vino con un forte legame alla ricca cultura della Sicilia.  

M.L.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search