Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il caso
di C.d.G.

Un Marsala per cucinare. Un caso di pirateria agroalimentare, scovato in un supermercato della California.

È stato scoperto da una produttrice siciliana di vino, per caso. Si tratta del Marsala della Cribari Cellars. Il vino siciliano che ha più di duecento anni, in vendita come prodotto per cucinare, come recita la stessa retroetichetta: “one of the most popular wines used in cooking, (uno dei vini più famosi usati in cucina)".

Ancora una volta scopriamo che tipo di messaggio passa oltreoceano: quello di un prodotto che ormai è più che inflazionato nel nostro Paese tanto  da “meritare” una mera connotazione culinaria invece di affermarsi come vino storico, tra i più prestigiosi del mondo. E invece di vedere in etichetta la dicitura “fortified wine”, termine che in inglese indica i vini liquorosi come il Porto, lo Sherry ed il Marsala, ai nostri occhi si presenta sempre quella: "vino da utilizzare in cucina".  

Certamente le varie vicissitudini e gli usi impropri che negli ultimi 30 anni hanno riguardato direttamente questo vino, hanno influito negativamente a livello comunicativo, pensiamo al tristemente famoso Marsala all’uovo.

Talmente scaduto nell'immagine da portare altri produttori a farne un'imitazione. 

Quello che impressiona però ancora di più di questa etichetta è l'uso improprio che si fa del nome Marsala, ricordiamo il nome di una Doc. E vederla preceduta dalla parola California fa uno strano effetto, amaro, e fa pensare a come ciò possa essere consentito. 

Se non si interviene, oggi sugli scaffali di un supermercato statunitense, accanto altre bottiglie di vino, possiamo trovare il Marsala “intruso”, ma domani non ci dovremmo stupire se troveremo il Marsala neozelandese!

Maria Antonietta Pioppo


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Maurizio Albarello
Trattoria Antica Torre
Barbaresco (Cn)

Stefano Mazzone

Grand Hotel Quisisana

Capri (Na)

2) Tortelli di cipolle al burro di acciughe e pecorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search