Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il caso il 23 Ottobre 2020
di Giorgio Vaiana

"Nessuno chiamerebbe un hamburger "insalata di carne", allora non si capisce perché vogliamo chiamare hamburger un prodotto che ha, sì, una lunga lista di ingredienti, ma neppure un grammo di carne".

Lo fa sapere il presidente di Assocarni, Luigi Scordamaglia, che riassume la posizione del settore zootecnico italiano e europeo rispetto alla discussione in corso a Bruxelles sulla possibilità di usare le denominazioni proprie della carne anche per prodotti veg. "Un'appropriazione culturale scorretta e pericolosa nei confronti del consumatore - prosegue Scordamaglia -: chiamare "bistecca" o "salsiccia" quello che non lo è, non solo significa usurpare il grande patrimonio di tradizione e know how del settore, ma anche indurre chi acquista a pensare di trovarsi davanti a prodotti equivalenti, anche dal punto di vista nutrizionale, ma così non è". Scordamaglia conclude che "non si sta mettendo in dubbio il diritto di scegliere un preparato vegano al posto di un hamburger, si sta chiedendo una scelta chiara nel rispetto del consumatore e della trasparenza, valori che non possono essere negoziati a favore del profitto di qualche multinazionale".

C.d.G.


Commenti   

0 #1 Vincenzo Chiofalo 2020-10-24 11:25
L'Hamburger secondo la Treccani: Specie di medaglione di carne tritata, cotta sulla griglia o in padella. Cerchiamo di non confondere ulteriormente il consumatore. Teniamo ben presente il valore nutrizionale della Carne per l'apporto di proteine ad elevato valore biologico. Quindi scelte in piena libertà ma consapevoli e con correttezza di informazione.
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gaetano Torrente

Al Convento

Cetara (Sa)

2) Genovese di tonno

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search