Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il concorso il 25 Marzo2019

Il giovane ha vinto l'ottava e ultima tappa "dell'Head to head competition" che si è tenuta a Palermo


(Marco Fedele - ph Federico Priori)

di Costanza Gravina, Palermo

Si è conclusa a Palermo l’ottava ed ultima tappa della Head to Head Competition, la prima competizione itinerante d‘Italia dedicata ai bartender under 30. 

Il progetto, ideato da Cristian Lo Russo, Paolo Sanna e Daniele Cicchinelli e giunto alla sua quinta edizione, ha come obiettivo quello di promuovere il bere miscelato di qualità ed un regolamento di gara che prevede l’uso in miscelazione di un gran numero di spirit e prodotti complementari con l’obiettivo di stimolare i bartender all’utilizzo di nuovi prodotti nella creazione dei loro cocktail. Un “head to head”, un testa a testa incentrato sulla capacità di improvvisazione e sulla versatilità dei bartender-competitor che, senza poter preparare la ricetta in anticipo, si sono sfidati creando cocktail originali ed equilibrati da sottoporre ad una giura tecnica composta da Calogero Dimino, organizzatore Bootcamp Barman Experiece-Sciacca (AG); Andrea Prizzi, Food&Beverage Manager Therasia Resort Sea & Spa – Vulcano; Franco Virga, Gagini Restaurant/Bocum- Palermo; Valentina Zaottini, Brand Ambassador Gancia/RussianStandard e Vincenzo Lannino, Botteghe Colletti Palermo.


(ph Federico Priori)

In otto si sono battuti a suon di shaker dietro il bancone del Cantavespri Vini e Vinili di Palermo con i diversi gradi di difficoltà previsti dalla gara, ma uno solo si è guadagnato il posto alla finale che si terrà il 15 aprile in una location ancora segreta. È Marco Fedele che con la sua estrosa performance nei panni di medico-chirurgo ha presentato ai giudici il suo “Primo Soccorso”, convincendo a pieno la giuria con il suo cocktail. Il giovane barteder è “palermitano cento per cento” come ci tiene a puntualizzare. Lavora nel suolo romano ormai quasi da otto anni e dopo un periodo di formazione presso alcuni dei cocktail bar più conosciuti della capitale è da poco approdato al Banana Republic di Roma, entrando a far parte dello staff di Paolo Sanna. Le difficoltà imposte dalla prova finale, che ha portato Marco alla vittoria, erano quelle di realizzare un drink bilanciato ed originale usando minimo 30 millilitri di vodka, una bollicina tra quelle proposte dagli sponsor e di triplicare la ricetta. Primo soccorso, è un cocktail a base di 60 millilitri di vodka (Russian Standard), 25 millilitri di Vermouth di Torino Gancia, 15 millilitri di zucchero liquido, 30 millilitri di agrumi mix (mandarino-limone-lime) e per finire top Blanc de Blancs Gancia. 


(ph Federico Priori)

“Si tratta di un cocktail fizz da aperitivo per via degli ingredienti usati e visto che era un orario consono ho optato per una bollicina e del vermouth che vanno a dare un po’ di struttura al distillato obbligatorio ovvero la vodka. A completare il tutto l’acidità e il profumo del mix di agrumi preparato al momento e un pizzico di zucchero liquido”, spiega Marco. A questo punto la domanda d’obbligo, come mai questo nome? “Ho sempre pensato che la cura migliore alla fine di una giornata pesante fosse berci su un buon cocktail al banco del bar lasciandosi alla spalle i brutti pensieri. In quel caso è il bartender a prestare soccorso”, risponde sorridendo Marco. 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Luca Lacalamita

Lula pane e dessert

Trani (Bt)

1) Tartelletta di stagione

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search