Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il concorso il 19 Giugno2014


Roberto e Sandra Snidarcig

E’ nato in Friuli il miglior Sauvignon del mondo.

Tiare, il Sauvignon di Roberto Snidarcig - della omonima azienda di Dolegna del Collio (in provincia di Gorizia) che si estende su circa dieci ettari vitati in una delle zone DOC più vocate del Friuli Venezia Giulia, il Collio - ha ottenuto la Medaglia d’oro e il trofeo speciale del Concorso Mondiale svoltosi a Bordeaux e giunto alla sua quinta edizione. Sono stati settecentocinquantuno i campioni esaminati, quattrocentotrentasette le aziende provenienti da ventuno Paesi sparsi per il mondo.

Su tutti ha prevalso quello di Roberto Snidarcig che non nasconde la sua emozione di fronte all’importante riconoscimento ottenuto: “Sono trent’anni che seguo questo vitigno che rappresenta il 45% della mia produzione. Alla fine il risultato è arrivato. La zona dove nasce la mia azienda, come tutto il Friuli del resto, è particolarmente vocata per questo tipo di vitigno che dà vita a vini di spiccata personalità. Peccato che i nostri Consorzi ancora non comprendano l’importanza della comunicazione. Nel mondo non tutti conoscono il Friuli Venezia Giulia, ignorano anche dove si trovi esattamente nella cartina geografica dell’Italia. Il prossimo anno, per la prima volta in assoluto, il Concorso Mondiale del Sauvignon si sposterà proprio nel Friuli. Speriamo che questa sia l’occasione che aspettavamo, per far conoscere ancora di più i nostri vini a tutto il mondo”.

Qual è il segreto del suo Sauvignon?: “Il mio Sauvignon, e in generale quelli italiani, non è un vino monocorde come quelli della Nuova Zelanda, per fare un esempio, che presentano tutti sentori di asparago. Quelli francesi sono invece più minerali. I nostri vini sono più complessi e sanno esprimere al meglio il proprio terroir. Sono vini che presentano, in perfetta armonia, sentori di agrumi come il pompelmo rosa, di ginestra, di sambuco o di foglia di pomodoro. Vini da degustare almeno una volta nella vita”.

Rosa Russo                     

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Carmine di Donna

www.carminedidonna.it

3) Bignè con croccante e crema pasticcera

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search