Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Contributors

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone
Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri
Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri
Enzo Raneri

Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione
eventi
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il concorso il 16 Dicembre 2011
di C.d.G.

Ecco i vincitori di questo mese, da sinistra nella foto Leonardo Tamburini di Empoli (Firenze), Rossella Fogli di Porto Garibaldi (Ferrara) e Maurizio La Rocca (Roma).

Nella vita fa la titolare di una merceria ma la sua passione è il cibo, così si racconta Rossella Fogli: “Mi piace cucinare e mi piace mangiare. Mi appassiona anche scrivere di cucina, mi diletto con lo studiare e scrivere ricette, qualcuna di queste anche pubblicate in libri”. Leonardo Tamburini gira invece l’Italia, lavora come rappresentante di pelli e nelle sue trasferte non si fa mai mancare un buon piatto di cibo accompagnato dal vino. “Sono un mangiatore di prima categoria e anche un bevitore. Allo Zenzero vado spesso, sono ragazzi e mi piace come cucinano”. Maurizio La Rocca è un impiegato di una multinazionale nel settore dell'informatica ma è anche un giornalista enogastronomico diplomato al Master del Gambero Rosso e blogger. "La mia passione per il cibo è iniziata quando feci il mio primo corso sul vino. Poi l'ho coltivata seguendo amici esperti, oggi mi diletto a scrivere su enogastronomia, è il mio hobby".
 

Rintocchi e Sapori - Casola Valsenio (Ra)

di Rossella Fogli
 
Accarezzare le colline romagnole per raggiungere Riolo Terme dove immergersi nell’acqua salsobromoiodica della piscina. -Rilassarsi- A mezzodì mettersi nuovamente in viaggio ma solo per una decina di km, direzione Casola Valsenio. Paese noto per il giardino delle erbe e i frutti dimenticati, e lì varcare la soglia di “Rintocchi e Sapori” -Contemplare- I prodotti tipici del luogo come il celebre scalogno rimirando le alte volte dell’edificio che fanno supporre, e l’imponente istantanea d’epoca nella nicchia che conferma. -Bere- Il di :vino Sangiovese della casa! O meglio della chiesa, se pur sconsacrata ne conserva ancora la dignità, anche dopo il riadattamento a ristorante. -Mangiare- Scegliendo le portate da un menu scritto a mano su carta gialla a bordi zigzagati, a voler sottintendere l’effettivo uso della rotella tagliapasta da parte della giovane e devota cuciniera. -Indurre- Dopo il delicato e altamente spirituale sformatino di verdura, come resistere alla “Battilarda”? Invitante tentazione in qualità di tavolozza dai toni campestri con annessi salumi e formaggi locali. -Ungere- C’è pure la pizza fritta! -Peccare- Bè, di gola mangiando i “ Tortelli al tartufo “, dove un’ottima ricotta non appare come latticino fiacco ma degno prodotto del luogo inorgoglita dal beato tubero. – Come secondo? Desidera assaggiare… – Amen! –

Voto: 4 stelle
 
 

Zenzero - Empoli (Fi)

di Leonardo Tamburini
 
Non si puo' descrivere il gusto ma si puo' esternare. Quando mangiamo un raviolo alla cinta senese, grande piatto dello chef, sorrisi e lacrime si mescolano in un vortice di sapori per poi finire con tutte le sensazioni possibili in un secondo magistrale composto da un piccioncino lardellato con pancetta e accompagnato al suo interno con fois gras. Poi un tuffo nel vuoto, una sensazione sublim,e sai che stai cadendo su delle soffici bigne' con crema al sapore dello zafferano che con il suo colore speciale ti fa dimenticare tutte le tristezze che ci assillano giornalmente. Poi quando mi alzo per tornare nella realtà chiamo lo chef Tommaso , programmando il mio ritorno a breve tempo con altri manicaretti che solo lui può fare. Adesso vi lascio per evitare che mi torni il desiderio del nuovo appuntamento con Tommaso. Ciao Leonardo.

Voto: 5 stelle

 

Fraschetta di Mastro Giorgio - Roma

di Maurizio La Rocca

Lo storico quartiere popolare romano di Testaccio, dove hanno visto la luce le pietanze di quella cucina in cui si fa uso del "quinto quarto", cioè le parti meno nobili dell'animale, si è oggi trasformato, grazie anche alla passione di osti e mercanti attenti ed onesti, in un quartiere dove vivere una sorta di "full experience". Qui si può venire ad esempio per gustare un "Trapizzino" (googlate pure per trovare facilmente di cosa si tratta!) da 00100, scegliere una buona birra artigianale all'Oasi della Birra, fare acquisti bio&giusti alla Città dell'Altra Economia, comprare alimenti da veri gourmet alla storica gastronomia Volpetti o curiosare al "20mq", un box del mercato rionale che propone oggetti di design in vendita tra cassette di carciofi e mandarini.estaccio?". Penso subito: "Bisogna provarla!". Apro la carta per ordinare ed ho la conferma di non essere capitato in una qualsiasi fraschetta come se ne trovano tante nella zona dei Castelli Romani. Qui infatti leggo, ad esempio: "Bruschetta con Cipolla di Cannara", "Pecorino stagionato in foglie di fico" oppure "Caciofiore di Columella". Scelta quindi una leggera e spumosa weizen artigianale "Verbum" di San Biagio come accompagnamento liquido al mio pasto, inizio questo buon pranzetto con una selezione di formaggi e salumi (tra i quali spicca anche una speciale mortadella grigliata), ai quali affianco un misto di bruschette (quella con cipolla, Grana e balsamico commovente in tutti i sensi!) seguiti da un assaggio classico di bucatini all'Amatriciana e termino con un dolce classico quale la torta caprese. Colmato quindi il vuoto - e non solo quello allo stomaco - esco noncurante di affrontare la pioggia ora battente di una giornata già uggiosa, con un solo piccolo rammarico: non aver provato gli spaghetti cicoria e pecorino, specialità della casa. Ma questa sarà la scusa per tornare a trovare Marco!

Voto: 3 stelle


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Felice Sgarra

Casa Sgarra

Trani (Bt)

3) Melanzana con burrata d’andria e gelato al pomodoro

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search