Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il personaggio il 09 Luglio2018

Dopo 45 anni a fine anno chiudere il ristorante italiano più celebre della California. Il titolare rivela i nuovi progetti: "Un locale più easy a Newport"


(Piero Selvaggio)

di Giorgio Vaiana

Un cambio di vita. Anzi una sfida. La definisce così Piero Selvaggio rivelando a Cronache di Gusto la chiusura del suo storico e celebre ristorante Valentino al 3115 Pico Boulevard di Santa Monica in California. 

Valentino ha fatto la storia per 45 anni da queste parti. Il suo ristorante italiano era sempre strapieno. E non era inusuale incontrare vip che cenavano da queste parti, dagli attori di Hollywood, a cantanti,giocatori dell'Nba e perfino Al Gore, quando era vice di Bill Clinton alla Casa Bianca. Ma ora Piero, originario di Modica in provincia di Ragusa, dice basta. I motivi? "Una serie di cose", racconta. La prima cosa è che gli affari non vanno più come una volta: "Mantenere l'immagine del Valentino, con la sua importante carta dei vini, un cibo con ingredienti di primissima scelta, non valeva più la pena - dice Piero - I tempi sono notevolmente cambiati e la nuova generazione soprattutto i millennial, prediligono il cibo casual. I critici gastromici sono stati sostituiti da Yelp, Instagram e tutto quello che è a portata di dito. Los Angeles è la città delle novità, del continuo tourbillon di cosa c'è di nuovo, di diverso, l'ultima moda gastronomica da sperimentare. Dopo 45 anni ho deciso che non valeva la pena di rischiare una grossa quantità di soldi solo per fare chiasso temporaneo".

Fino a fine anno il ristorante rimarrà aperto. Poi si chiude. Si venderà ad altri? Ancora Piero non ha deciso. "Alla base della mia scelta ci sono anche motivi familiari - dice - Mia moglie, che è medico, lavora in una clinica a Newport Beach, che si trova fra Los Angeles e San Diego. E noi ci eravamo trasferiti lì con i miei due figli di 3 e 9 anni. Ogni giorno, da tre anni a questa parte, per 5 giorni la settimana, faccio il pendolare, percorrendo tre ore di strada a bordo della mia vettura. A Los Angeles, per ora, è in atto una grande crescita di ristoranti. Di qualunque genere. Ne aprono in quantità con una velocità impressionante. Non riesci così a crearti una clientela fidelizzata - dice Piero - perchè ristoratori improvvisati o meno, aprono in continuazione e la gente si sposta continuamente da un posto all'altro". Ma la chiusura di Valentino per Piero vuol dire un nuovo inizio: "Ho trovato un posto ideale sul mare di Newport, senza macchine lussuose o yacht - dice - Mi sento di nuovo motivato. La nostra sarà una cucina pulita e simpatica, come è giusto quando la vista e l'atmosfera si abbracciano col cibo. Ci metteremo i nostri 50 anni di esperienza. Sono finiti gli anni di pionerismo e di innovazioni, le gioie del passato come i mille titoli e i tantissimi riconoscimenti ricevuti in Italia ed in America. Alcuni di noi abbiamo fatto storia ed io sono fra i più fortunati avendo cominciato a 25 anni e sono ancora sulla breccia. E' molto difficile lasciare. E' un amore che dura da 45 anni. I miei figli maggiori (31, 28 e 24 anni) hanno altri interessi ed in più non capiranno mai i sacrifici enormi della ristorazione. Ed era giusto, adesso, anche per me dopo aver mantenuto e diretto tanti ristoranti in California, Las Vegas e Houston, provare nuove sfide e ritrovare l'entusiasmo che avevo perso".

Commenti   

0 #1 Fabio Rossi 2021-12-04 17:15
Ricorda Paul Rossi di Chantal restaurant su San Vicente?
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Patrizia Girardi

Amastuola Wine Resort

Crispiano (Ta)

4) Anche l'occhio vuole la sua parte

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search