Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il personaggio il 21 Gennaio 2013
di Fabrizio Carrera


Pino Cuttaia all'ingresso del negozio

L'opening day è fissato ai primi di febbraio.

Un piccolo locale su due piani. All'ingresso i banchi e gli scaffali dove posizionare ghiottonerie di tutti i tipi ma anche piatti pronti da acquistare e portare via. Al primo piano invece un laboratorio che diventa alla bisogna anche una scuola di cucina. E' quasi tutto pronto ed è la nuova scommessa di Pino Cuttaia, il cuoco bistellato di Licata, in provincia di Agrigento e patron de La Madia. Mentre va avanti il progetto di trasferirsi in un palazzo nobiliare e dare più spazio al ristorante e ad altre attivitá collaterali, Pino Cuttaia si concede un divertissement. Che di questi tempi vale doppio. Una sfida, quella di aprire il food shop col nome di Uovo di seppia, uno dei suoi piatti più fortunati, che ha anche una motivazione importante. "Volevo un posto dove sentirmi più libero, senza le regole rigide di un ristorante dove è necessaria forma e anche sostanza". Già, sentirsi più libero. Quella della libertà per lo chef bistellato di Licata è un'esigenza primaria da tutelare. E noi ne siamo non solo convinti, ma anche beneficiari. Perché se una quindicina di anni fa questo giovane dall'aria mite e i colori del Sud decise di fare il cuoco fu proprio per inseguire un po' di libertà rispetto al suo lavoro alla Olivetti di Ivrea.


Dettaglio della vetrina ancora coperta dai pannelli


Lavagnetta all'interno del negozio

Ed oggi Pino è alla ricerca di nuovi spazi, nuovi luoghi dove volare. Lo fa con Uovo di seppia che è anche un logo affidato a un designer E in questo spazio, a pochi metri da La Madia si troveranno attente selezioni di prodotti gastronomici ma anche piatti come vitello tonnato o ragù pronti da portare a casa. Piatti della tradizione con materia prima di alta qualità. Per chi passa da Licata o per i gourmet che si fermano a La Madia e vogliono portare un gustoso souvenir. E poi basterà salire al primo piano per vedere come nascono alcuni piatti, dove sperimentare, dove sognare. Insieme a coloro che sono appassionati di buona cucina. Sfide. Dal buon sapore.

F. C.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Donato De Leonardis

Don Alfonso San Barbato

Lavello (Pz)

3) Faraona ripiena con il suo filetto tartufato e verza

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search