Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il personaggio il 14 Aprile2022
Stef Yim

di Ambra Cusimano

Sono diversi anni ormai che Stef Yim si trova sull’Etna, ma il come e il perché lui abbia scelto proprio questo territorio per dare vita alla sua azienda forse non lo sapevate ancora.

Partiamo dal principio. Stef nasce ad Hong Kong nel 1982. La mamma è giapponese. Quando ha circa dieci anni la sua famiglia decide di trasferirsi in California. Da giovanissimo comincia a lavorare come bartender presso alcuni bar di Pasadena a Los Angeles. Dopo poco Stef inizia a studiare per prendere delle certificazioni che gli consentano di intraprendere la carriera di sommelier. Gli anni passano e la passione per il vino cresce, si evolve come una buona bottiglia. Un’occasione si tramuta nella possibilità di produrre vino con l’ausilio di un enologo esperto a Napa Valley. “Non avrei mai pensato di farlo - racconta Stef - non avevo le competenze all’epoca, ma quando il proprietario di una vigna a circa tremila piedi mi ha proposto di comprare le sue uve e di vinificare con l’aiuto di un amico enologo, non ho saputo dire di no". Siamo nel 2008 ed è così che Stef si è introdotto nel mondo dell’enologia. Nel 2011 un’ulteriore opportunità consente al giovane di oltrepassare l’oceano per approdare nel sud della Francia e di fare esperienza come tirocinante enologo.

"Trascorse tre vendemmie e dopo aver appreso un modo diverso di vinificare da quello che conoscevo, avevo messo abbastanza soldi da parte da investire in qualcosa di mio, ma ad una condizione: i miei vini dovevano essere prodotti su un suolo vulcanico. Il perché? Durante gli anni trascorsi come sommelier ho avuto la possibilità di assaggiare diversi vini e quelli che più mi colpivano provenivano quasi sempre da zone vulcaniche". Il problema era trovare il luogo adatto. “Ho trascorso qualche mese a Tenerife per capire le potenzialità del territorio. Le Canarie però non mi hanno convinto, per via del clima e dell’altitudine dei terreni". Il ricordo di una capatina fatta sull’Etna avvenuta qualche anno prima e l’incontro con alcuni produttori come Frank Cornelissen e Salvo Foti portano Stef a considerare l’idea di tornare in Sicilia. Siamo alla fine del 2014 quando un ormai più risoluto Stef si rende conto di essere nel posto giusto. “Inizialmente avevo bisogno di ambientarmi e di conoscere meglio il territorio. Mi hanno proposto diversi vigneti e nel 2015 ho comprato le uve di quello che mi sembrava il più interessante in contrada Sciaranuova a circa 750 metri sul livello del mare".

Quello è stato l’anno in cui Stef ha prodotto il suo primo vino sull’Etna, il rosso 750 Sciaranuova. Oggi l’azienda possiede circa 11 ettari vitati prevalentemente a Nerello Mascalese in nove differenti contrade, a diverse altitudini. La cantina si trova in contrada Taccione a Montelaguardia e sotto il nome “Sciara” vengono prodotte cinque etichette di cui quattro rossi ed un bianco. Il numero di bottiglie prodotte si aggira intorno a dodicimila nelle annate migliori. Da quest’anno sarà inoltre possibile alloggiare in una delle otto camere presenti presso la struttura adiacente alla winery. L’approccio in vigna non è invasivo e tutte le operazioni vengono fatte a mano. Alcune vigne mettono alla prova per via delle altitudini, ma a Stef l’altezza non dispiace affatto. A contrada Nave si trova uno dei vigneti più alti d’Italia. Poco più di un ettaro a circa 1.200 metri sul livello del mare. Vi sembrano tanti? Siete così sicuri che il nostro Stef si sia fermato? Un’importante novità è in arrivo, ma dovrete aspettare il prossimo articolo per saperne di più.

Tags: , ,

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Antonio Bufi

La Gattabuia

Matera

3) Barbabietola al cartoccio

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search