Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il personaggio il 29 Marzo2021
Martino Patti

Martino Patti, contadino o, come lui stesso ama definirsi, pastore, nasce a Torino nel 1978. Appassionato di storia, si laurea a Lione nel 2004 e, nel 2007, prosegue i suoi studi con una specializzazione in germanistica. Infine, dal 2008 al 2011 è allievo della Classe di Lettere alla Scuola Normale Superiore a Pisa.

Dopo aver lavorato per alcuni anni alla Treccani di Roma come collaboratore della direzione editoriale, capisce che è giunto il momento di cambiare radicalmente la sua vita: le dinamiche implicite all’Accademia in tema di relazioni umane e di etica del lavoro gli stanno strette e il desiderio di vivere in maniera autentica, di ritornare alla natura prevale. Decide quindi di lasciare definitivamente la Capitale e di ritornare stabilmente insieme alla sua famiglia - sua moglie e sua figlia di tre anni - in Piemonte, a Castagneto Po, un’area collinare nelle vicinanze di Chivasso e di iniziare qui la sua nuova vita. Una quotidianità che prende spunto dai valori che suo nonno gli ha trasmesso fin dalla tenera età, durante le vacanze estive passate con lui in Sicilia: l’amore e il rispetto per la natura e per gli animali. Nel 2012, nasce Cascina Badin, una piccola impresa a conduzione familiare, o per meglio dire un vero e proprio stile di vita, in cui Martino alleva e si prende cura delle capre, animali sensibili e esigenti che ci offrono il loro prezioso latte.

Cascina Badin è una piccola azienda che sta cominciando ad affrontare il mercato con un approccio di pura eccellenza gastronomica, in una dimensione eco-friendly, rispettosa dell’ambiente e dei suoi naturali cicli vitali. Non utilizzando né tracciatura industriale né plastica si salvaguardano le proprietà organolettiche e nutrizionali di tutta l’offerta. Inoltre, le capre vengono allevate secondo una modalità estensiva, il più possibile all'aperto, e nutrite in stalla con fieno magro di collina, senza ricorso ai mangimi iperproteici. "Se dovessi definire quali sono i valori cardine di Cascina Badin – afferma Martino - direi senza dubbio il rispetto della dignità del lavoro che, ad oggi, spesso viene meno; il benessere dell’animale; le logiche che privilegiano l’attenzione alla qualità a tutto tondo rispetto alla quantità; lo sforzo continuo di preservazione e la custodia della tradizione locale, così da mantenere viva la cultura gastronomica del Piemonte attraverso ricette rivisitate e, infine, l’artigianalità radicale, presente in ogni singolo processo".

Cascina Badin offre a negozi, ristoranti che prediligono la filosofia della qualità e della salute, capretti da latte caratterizzati da una straordinaria tenerezza e dal gusto unico, interi o tagliati e consegnati sottovuoto; formaggi tra i quali troviamo la robiola, la toma ‘’Saronsella’’, la ricotta di capra, i tomini monoporzione, chiamati ‘’bottoni’’, lo yogurt di capra colato alla greca nei teli di lino, diversi formaggi stagionati nel carbone vegetale e altre tipologie di tome. E spedisce in sicurezza in tutta Europa. A partire da giugno sarà possibile visitare Cascina Badin per scoprire i segreti che si celano dietro la lavorazione di ogni suo prodotto e per acquistarli direttamente in loco, grazie all’apertura dello spaccio aziendale. Ma non solo: sempre da giugno, Martino e la sua Cascina Badin saranno online con il loro nuovo e-commerce.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Peppe Causarano

Ristorante VotaVota

Marina di Ragusa (Rg)

1) Spaghetto affumicato burro e alici

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search