Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il personaggio il 17 Febbraio 2020
di C.d.G.


(Alessandro Uccheddu)

Avere le radici ben fondate nella propria terra e negli occhi il mare può sembrare un ossimoro, ma non è così per Alessandro Uccheddu, 42 anni, executive sous-chef del ristorante stellato Magorabin di Marcello Trentini a Torino.

Di origine sarde, Alessandro subito ha compreso che nella sua vita sarebbe diventato uno chef. Ha lavorato presso rinomati ristoranti, come “Al Capriolo” a Vodo di Cadore o “la Farmacia del Cambio” a Torino, ma ha anche amato sperimentare altre sfaccettature del campo della ristorazione, come ad esempio  quello di barman, esperienza significativa per capire l’importanza dell’accoglienza e del rapporto diretto con l’ospite  in un locale. Per lo chef Alessandro Uccheddu la Sala di un ristorante ha un ruolo fondamentale nella storia del piatto; infatti quando il cameriere racconta sapientemente il piatto creato dallo chef, l’ospite assapora già nella sua mente il cibo. Il creare  in un piatto una realtà di sapori e sensazioni è il suo scopo.

Innanzitutto lo chef Uccheddu parte sempre da una scelta di alta qualità di prodotti, sia a "Km 0", ma anche eccellenze italiane e non come la carne Kobe o Angus o il Foie Gras, da far articolare e dialogare nelle sue creazioni culinarie. Poi studiare e curare l’impiattamento, l’anticamera del piacere delle papille gustative dove l’occhio già assapora ciò che andrà ad assaggiare da lì a poco; questo deve essere essenziale, ma articolato che aumenti il desiderio dell’assaggio che poi si sprigiona nel palato in tutta la sua potenza gustativa.

E così da uno studio in team del menù nascono pietanze come Risotto alla zucca con essenza di caffe, o una commistione con la pasticceria dove un gelato di peperoni può accompagnare delle sublimi carni oppure dei ravioli del Plin con un ripieno dal leggero gusto di agrumi, e molto altro. La tradizione, in questo modo, è pienamente rispettata, ma trasportata ad un livello gourmet di eccellenza grazie a tecnica e attrezzature da cucina, così che i gusti forti diventino piacevoli al palato di tutti.

E se si volesse cucinare per lo chef Uccheddu? Lui ha nel cuore i sapori della sua terra come la fregola con le vongole, agnello con i carciofi, ma soprattutto il porceddu alla brace, che ripropone anche in versione moderna, cotto per lungo tempo a basse temperature con un’affumicatura per mezzo di un grill con aggiunta di polvere di foglie di mirto ed essenza di mirto. Ecco la chiave vincente della cucina di Alessandro Uccheddu avere nel cuore la terra e le radici forti della tradizione della sua splendida terra sarda, ma negli occhi un mare di sapori, innovazioni e gusti che guardano verso l’infinito spazio della scoperta del vero sapore del cibo.

Maria Simeoli 

Ristorante Magorabin
Corso San Maurizio, 61/B - Torino
t. 011 8126808


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Antonio Zaccardi

Pashà Ristorante

Conversano (Ba)

3) Animelle, fagiolini e tartufo

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search