Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il personaggio il 09 Gennaio2013

A guardarlo da lontano il panorama ibleo è di quelli in cui lo sguardo diventa un tutt'uno con l’aria, gli alberi, le ombre e la luce.

Qui tra scorci d’arte, l’asprezza del paesaggio e le facciate candide, intessute di simboli delle chiese barocche Salvatore Garofalo, Saro Guastella e Samuele Cesarato, ogni anno verso settembre si riuniscono per produrre un vino che ha il sapore dell’allegria. Quel vino senza ambiziose pretese e nato da un'animo che ricorda quello dei "garagisti" d'oltralpe. La loro è una storia di forte amicizia ed è questa che li ha spinti a fare qualche bottiglia per curiosità e per diletto.


Da sinistra Samuele, Saro e Salvo

L’obiettivo non vuole essere pretenzioso: l’intenzione è quella di voler realizzare un vino senza grossi difetti, certamente perfettibile nel tempo e con l’esperienza. Un vino che sia il più possibile naturale. Tutto nasce da una sfida. “Una volta - racconta Salvatore Garofalo - qualcuno mi ha detto che fare il vino è una cosa molto semplice: basta mettere il mosto in un recipiente e aspettare che diventi vino. Ho deciso così di cimentarmi nell'esperimento rendendomi conto subito, però, che non si trattava di una operazione così semplice”. Nel 2007 e dopo una preparazione più accurata, Garofalo decise di riprovarci insieme ai suoi due amici d’infanzia (tutti ormai quarantenni) in un piccolo dammuso nel cuore di Ragusa Ibla, divenuto nel tempo un piccolo laboratorio di sperimentazioni artigianali e di piccoli aneddoti. “Lo scorso mese -racconta Garofalo senza nascondere l’entusiasmo - abbiamo avuto il piacere di conoscere Peter Dipoli, noto produttore di vini del Trentino Alto Adige ed  enologo di provata esperienza, il quale ha espresso un giudizio molto positivo sul nostro vino ad eccezione dell’annata del 2009. Si tratta di un Cabernet Sauvignon  in cui ha riscontrato un difetto nei profumi”. Questo episodio li ha spinti a fare sempre meglio.


Saro e Salvo nel dammuso

Usano legno, barrique, per un anno. “Eseguiamo travasi in modo da ottenere un vino che sia il più limpido possibile - spiega ancora Garofalo -  visto che non facciamo filtrazione, stabilizzazione tartarica o aggiunta di prodotti chimici, procedimenti questi adatti a questo scopo ma che si possono effettuare soltanto in cantine professionali”. Il vino così prodotto non ha un nome perché si tratta di una micro produzione di circa cinquecento bottiglie l’anno: “Ci teniamo però alla sua qualità ed è per questo motivo che spesso chiediamo alcuni consigli al nostro amico e agronomo, Marco Calcaterra delle Cantine Avide e a Davide Tasca che opera in questo settore”. A volte ci sono delle discordanze amichevoli sulla scelta delle uve da vinificare: “Ma alla fine c’è sempre uno di noi che fa da ago della bilancia”. Dopo vari esperimenti le prime soddisfazioni sono arrivate nell’annata 2010 con un blend, in parti uguali, di Nero d’Avola e Syrah, molto apprezzato anche dal produttore trentino e da alcuni amici assaggiatori perché non presenta difetti, malattie e quindi cattivi odori. E’ abbastanza corposo e con una acidità non eccessiva che lo rende morbido al gusto con un leggero sentore di rovere dovuto alla permanenza in barrique. “Sostiene Peter Dipoli che per dare vita ad un buon vino” conclude Garofalo “bisogna partire da un’ottima uva e fare  poi molto bene e con passione poche cose indispensabili. Se a questo aggiungiamo che per noi tre il vino è anche la celebrazione della nostra amicizia, fare un buon vino a questo punto diventa veramente "na babbiata" (in dialetto "uno scherzo")! A pensarci bene quest’ultimo detto siciliano potrebbe essere il nome che ci piacerebbe leggere su una nostra ipotetica etichetta”.

Rosa Russo

 

via Giusti, 15
 97100 Ragusa Ibla
Tel. 335 7272346
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Giannico Carruggio

Cantina Gianfranco Fino

Manduria (Ta)

1) Gambero marinato

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search