Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il personaggio il 19 Settembre 2020
di Redazione

È morto Diego Planeta, imprenditore, uno dei protagonisti del vino italiano e fautore del rinascimento del vino siciliano. Aveva ottant’anni.

“Poliedrico, cosmopolita  e visionario nei suoi interessi e nelle sue passioni, ci lascia uno dei padri fondatori del vino siciliano”. Sono queste le parole di cordoglio e vicinanza ai familiari, espresse dall’assessore regionale per l’Agricoltura, Edy Bandiera, appresa la dolorosa notizia della scomparsa. Alla famiglia Planeta le condoglianze della redazione di Cronache di Gusto. Di seguito un articolo di Fabrizio Carrera in ricordo di Diego Planeta.

di Fabrizio Carrera

Dici Diego Planeta e dici vino. Anzi, vino siciliano. Se n’è andato forse il personaggio che meglio ha incarnato l’imprenditoria vitivinicola moderna, innovativa, cosmopolita. È morto a ottant’anni, abbandonando un mondo che ha amato molto e che aveva conosciuto in lungo e in largo. È stato un siciliano di mare aperto, verso le novità, verso orizzonti non banali. Lontanissimo dal prototipo del siciliano di scoglio, refrattario alle novità, adagiato sull’alibi della sicilitudine. Planeta era un infaticabile imprenditore. Quando nel 2004 anno di riconoscimenti, onorificenze e tanta gloria, tra cui la laurea honoris causa in Scienze agrarie, con la tagliente ironia di cui era capace disse: «E adesso dobbiamo tornare a lavorare». Ci strappò un sorriso in quel momento, ma quella frase diceva molto dell’uomo, di com’era, della pasta di cui era fatto. L’anno della laurea fu anche quello in cui diventò cavaliere del lavoro, sicuramente il riconoscimento che meglio si attaglia alla sua figura. Fu un po’ un cavaliere visionario, infatti, se a un certo punto, a metà degli anni Ottanta, getta il suo sasso nelle acque stagnanti dell’Istituto regionale Vite e vino di cui diventa presidente. Per molti un incarico di sottogoverno. Ma lui che amava le sfide avviò una rivoluzione dell’ufficio che non era preso nella giusta considerazione. E per dire di come fosse avanti nella concezione che doveva ispirare anche la mano pubblica, chiamò accanto a sé due personaggi di livello. Giampaolo Fabris, sociologo dei consumi, e Giacomo Tachis  il grande enologo che aveva già inventato il Sassicaia, E con Planeta si formò un trio inossidabile e illuminato che portò a grandi risultati. 

Non lo sentivo da parecchio, circostanza che oggi mi rammarica molto; si pensa sempre che ci sia tempo: tempo per parlare, tempo per ritrovarsi, tempo per capirsi, tempo per chiarirsi. Ma non è così, la vita (e dunque la morte) non attendono le nostre esitazioni. Tuttavia, ciò che mi colpiva di lui era la sua ironia, soprattutto verso se stesso, che davvero era l’intelligenza che faceva un sorriso. La piacevolezza di stare con lui stava proprio in questa sua capacità dissacrante, nel distacco giusto che sapeva mettere fra sé e il mondo. E il mio pensiero affettuoso va soprattutto adesso a Francesca, la figlia e ad Alessio e Santi, i nipoti, coloro che per me sono i continuatori di quanto Diego abbia rappresentato nel mondo del vino. Quelli con cui mi sono confrontato negli anni, a volte anche con qualche divergenza di pensiero. 

I traguardi di Diego Planeta sono entrati nella storia della imprenditoria vitivinicola italiana. Esigente, caustico, veloce, vulcanico, instancabile, errante. Crea un’azienda di famiglia agli inizi degli anni ‘90 mettendo alla guida figli e nipoti, una cantina i cui vini sono ormai punto di riferimento assoluto nel settore per qualità, piacevolezza e sicilianità. E agli inizi di questo secolo ha fondato, insieme a Lucio Tasca d’Almerita e a Giacomo Rallo, Assovini. Un’alleanza capace di sdoganare definitivamente il vino siciliano nel mondo. E sul vino siciliano aggiungeva un tocco di visione: “Abbiamo raggiunto obiettivi inimmaginabili, ma siamo solo all’inizio”.

Raccontare Diego Planeta è un esercizio che può durare a lungo. Come tutti i personaggi di grande livello è difficile racchiudere nello spazio angusto di un articolo di giornale. Ma, infine, se dovessimo dire di lui, del siciliano che amava il mondo e di una delle sue più grandi imprese, di uno dei suoi più grandi meriti, dobbiamo andare indietro di quasi 50 anni. Spostarci a Menfi, in provincia di Agrigento, lontana dai fasti di oggi, non ancora Menfishire come oggi si ama chiamare quella zona diventata ricca e luccicante. Planeta diventa presidente di una cantina sociale che vende vino sfuso, la Settesoli. Ma così non può andare, ventre a terra e lavorare, lavorare, lavorare. Settesoli diventa il propulsore di una intera economia del territorio e una delle cantine sociali più importanti del Mezzogiorno. Il vino di qualità ha cambiato la prospettiva per un territorio che era povero e polveroso. E lui che alla fine era cittadino del mondo, diventò cittadino onorario di Menfi. Siamo sicuri che andò orgoglioso di questo fatto. Mancherà alla Sicilia migliore.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Ciro Scamardella

Pipero

Roma

1) Raviolo di cavolfiore, vaniglia e capasanta

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search