Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il personaggio il 28 Luglio 2020
di Giorgio Vaiana
Mario Fiasconaro al lavoro

di Giorgio Vaiana

Non nasconde le sue emozioni quando parla della "sua" Castelbuono.

Nicola Fiasconaro, il maestro pasticciere ormai conosciuto in tutto il mondo per le sue creazioni dolciarie, ha da sempre avuto un legame speciale con il borgo arroccato sulle Madonie, in provincia di Palermo. Un borgo che da sempre è stato meta di tantissimi turisti, italiani e turisti. E tutti (o quasi) si sono sempre soffermati ad assaggiare un pezzo dei suoi panettoni intinti nelle sue creme, che da sempre omaggia a chi passa da quelle parti. Ormai si può dire che Castelbuono è un po' Nicola Fiasconaro, così come Nicola Fiasconaro è un po' Castelbuono. Insomma due entità che si promuovono insieme in giro per il mondo. E Fiasconaro ha ancora una volta rendere omaggio a Castelbuono e ai castelbuonesi donando un'opera per festeggiare i cento anni dell'acquisto del castello dei Ventimiglia da parte dei suoi concittadini. E l'opera raffigura il castello in tutto il suo splendore. Ed è stato riprodotto, come confessa lo stesso Fiasconaro, in tutti i suoi particolari.

"Già - racconta - perché nel periodo di lockdown, ci siamo rinchiusi nella mia casa che si trova appena fuori Castelbuono. E qui, con mio figlio e i miei collaboratori, abbiamo studiato, e tanto. Dalle tecniche, all'uso delle farine, ai nuovi dolci. E mentre eravamo lì c'è venuta in testa l'idea di lasciare il segno. E abbiamo iniziato a studiare". E così la lettura dei progetti originali del 1200 del castello è stata la fonte di ispirazione dell'opera dei Fiasconaro: "Non abbiamo riprodotto solo la facciata - dice - ma ci siamo dedicati agli interni, molti dei quali adesso nella realtà non esistono più. Speriamo che sia l'occasione per far riflettere chi ci governa di come sarebbe importante recuperare un simile e importante monumento". Quasi cinquanta chili di peso, pasta di mandorle e cioccolato gli "ingredienti" principali per realizzare il castello, insieme a particolari materiali alimentari per realizzare la struttura. "L'abbiamo terminata proprio nel giorno di Sant'Anna e non so se è un caso o qualcosa di simile - racconta Nicola Fiasconaro - Ma qui da noi Sant'Anna è una vera devozione. Ora lo regaleremo al museo e sarà a disposizione di chiunque vorrà visitarlo e ammirarlo. Il nostro dono ai miei compaesani". Il castello si troverà all'interno di una teca in vetro a temperatura controllata "e rimarrà lì spero per molto tempo", precisa Fiasconaro.

L’opera, alla quale ha collaborato per il progetto strutturale anche l’artista Fabio Portera, è alta 110 centimetri su una base di circa 145 centimetri e colpisce per la sorprendente accuratezza nella riproduzione dei particolari architettonici. La creazione verrà esposta al pubblico al Museo Civico di Castelbuono dal 30 luglio 2020, con ingresso gratuito per i Castelbuonesi, in concomitanza con la mostra “La Stanza delle Meraviglie”, a cura di Maria Rosa Sossai che raccoglie più di duecento oggetti presati dai cittadini per celebrare il senso di coesione di una comunità, oggi come 100 anni fa. "Mio figlio Mario e tutto il nostro staff di pasticceri di piazza Margherita si sono prodigati per far rivivere la magnificenza del Castello in una preziosa imitazione che racchiude tutta la nostra passione e l’orgoglio di poter fare un omaggio alla nostra comunità", ha spiegato il maestro Nicola Fiasconaro. L'opera, come detto, è stata presentata al pubblico nel corso dell’anteprima organizzata in occasione della serata di gala del 26 luglio scorso. Sul palco di piazza Castello, in presenza dei tre fratelli Nicola, Martino e Fausto Fiasconaro, si è svolto l’unveiling della scultura: un omaggio dei pasticceri alla comunità di Castelbuono che nel 1920 ha acquistato il Castello dei Ventimiglia.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search