Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il premio il 08 Gennaio 2020
di C.d.G.


(Niko Romito)

Niko Romito, chef tristellato del Reale di Castel di Sangro, è stato eletto miglior chef dell’anno per il congresso gastronomico Madrid Fusión. 

A Romito, dunque, va il premio "Cook of the Year Award", uno dei riconiscimenti più prestigiosi che vengono assegnati nel corso dell’evento che si tiene all'Auditorium di Reale Seguros dal 13 al 15 gennaio. Niko Romito, classe 1974, è ammirato a livello internazionale per aver scommesso su uno stile gastronomico dedito alla ricerca dell’essenziale, una cucina – si legge nella motivazione del premio – "pura e assoluta dove il fondamentale e l'equilibrio dei sapori sono la chiave".

Alle spalle di Romito, ci sono 20 anni di attività. Dagli inizi a Rivisondoli fino al prestigio delle tre stelle Michelin. "Quando mi hanno chiamato per annunciarmi di aver vinto il premio – dice Romito a Repubblica Sapori – hanno sottolineato come io fossi la persona adatta proprio quest’anno perché il tema del convegno 2020 è la semplicità. E in effetti per me arrivare al nocciolo è un lavoro maniacale, ossessivo, è una filosofia di vita, un obiettivo che mi prefiggo da sempre e che sempre più sta conquistando le nuove generazioni attratte dal desiderio di scavare a fondo".

La sua storia e il suo percorso, Romito li racconterà "live" durante una relazione al congresso di Madrid in cui ripercorrerà il suo iter professionale, giunto alla cifra tonda dei 20 anni. "Vorrei far capire come sono arrivato a questo modello di semplicità, che ha la sua metafora nelle sale del Reale, dove tutto è bianco e le linee sono essenziali, come una tela ancora da dipingere - spiega lo chef sempre a Repubblica Sapori - E poi anche la strada imprenditoriale che va da Rivisondoli a Castel di Sangro, con Casadonna e il progetto di didattica. Vorrei anche trasmettere l’entusiasmo per questa ricerca che si riverbera anche nel mio modo di comunicare, sempre sottovoce". Il 14 gennaio riceverà il riconoscimento dalle mani di Santiago Alfonso, del gruppo Cosentino, partener di Madrid Fusion, che ha ideato il premio. Un ottimo modo per inaugurare il nuovo anno.

C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search