Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il premio il 13 Gennaio 2020
di C.d.G.


(Mauro Ricci, i vincitori del concorso e Pietro Pappalardo)

di Manuela Zanni

A Enna trionfa il Premio Caseus Siciliae Trinacria d’Oro, il concorso patrocinato dall’Onaf (Organizzazione nazionale assaggiatori di formaggio) per stabilire, fra le proposte dei caseifici dell’Isola, i tre migliori Pecorini siciliani Dop.

La manifestazion si è tenuta presso l’Hotel Federico II di Enna. Sul podio al primo posto quest'anno la società agricola dei Fratelli Tirrito di Castronovo di Sicilia (PA), al secondo posto l’azienda Presti Rosario di Santo Stefano di Quisquinia (Ag) e al terzo posto l’azienda Ferranti, sempre di Santo Stefano di Quisquina. La manifestazione, alla sua ottava edizione, si propone, con la collaborazione dei consorzi delle 5 dop siciliane e con l’insegna “Caseus Siciliae”, un percorso di iniziative lungo tutto l’anno per la valorizzazione dei formaggi siciliani. Obiettivo della manifestazione, lo ricordiamo, è l'assegnazione del prestigioso premio che viene attribuito al migliore formaggio pecorino siciliano.


(La giuria)

L’evento, come da consuetudine, è stato promosso dall’Onaf nella persona del suo delegato per la Sicilia Pietro Pappalardo e nelle due giornate ha avuto un ricco programma di attività volte alla promozione e ad una migliore conoscenza non solo del Pecorino ma anche di altri formaggi Dop siciliani come la Vastedda del Belìce e il Piacentunu Ennese. La giuria, presieduta da Pietro Pappalardo, era composta da tre tavoli per un totale di nove maestri assaggiatori Onaf che hanno assaggiato i sette formaggi in gara in ordine casuale. Oltre alle degustazioni guidate dagli esperti e il diretto contatto con gli operatori del settore, la kermesse è stata, soprattutto, l’occasione per discutere sui processi di lavorazione che rendono il pecorino siciliano Dop, il formaggio a pasta semidura prodotto con latte di pecora crudo intero, un prodotto  eccellente e sicuro per i consumatori.


(La delegazione di Santo Stefano Quisquina con il sindaco Francesco Cacciatore)

Per la prima volta quest'anno, inoltre, è stato istituito su iniziativa della delegazione di Sicilia dell’Onaf il premio "città del formaggio Onaf per l’anno 2020" che quest'anno è stato assegnato a Santo Stefano di Quisquina e ogni anno si proseguirà con la nomina di altre città siciliane e italiane. Tra le altre novità anche il docufilm, premiato questo anno a New York, che racconta la storia del pastore Ciccarello emigrato al Nord a fare la guardia carceraria e’ tornato in Sicilia a fare il pastore finalmente libero come il vento e più ricco nel cuore.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search