Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Giada Giaquinta

Christian Guzzardi
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Maddalena Peruzzi
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Marcella Ruggeri
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni
Alessia Zuppelli

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il premio il 20 Gennaio2020

A Vincenzo Follino del campano Bonavena il titolo di Birraio Emergente


(Cecilia Scisciani e Matteo Pomposini)

Sono due i nomi pronunciati dal palco del teatro TuscanyHall di Firenze e incisi sul cristallo dell'ambito premio Birraio dell'Anno 2019: Matteo Pomposini e Cecilia Scisciani del birrificio MC77. 

Una giovane coppia marchigiana che dal 2013 produce birre a Serrapetrona nel maceratese: emozioni liquide capaci di sedurre i 100 giudici individuati da Fermento Birra, organizzatore del premio e del relativo festival, che hanno giudicato il loro lavoro come il migliore del 2019, tra gli oltre 600 birrai potenzialmente votabili. Del resto è stato un anno da incorniciare per il piccolo birrificio marchigiano che ha saputo raccogliere i frutti seminati nel tempo e coltivati con studio, sacrifici, miglioramenti tecnologici, crescita delle competenze produttive, viaggi formativi, creatività e passione. Un mix che ha dato vita a prodotti emozionanti capaci di mietere consensi di critica e pubblico, soprattutto tra gli amanti del luppolo. Birre come la Breaking Hops, double Ipa di 7,2° alc. possente e appagante con i suoi profumi tropicali, resinosi e floreali, oppure come la "trilogia" composta dalle succose Velvet Suite, Bowtie e Billy Cock, tra i migliori esempi nazionali di New England Ipa. Birre che hanno contribuito a tracciare una via italiana luppolata riportando al centro l'equilibrio tra gli ingredienti e dimostrando come non sia necessario, ma anzi deleterio, caricare quantità importanti di luppolo in maniera scriteriata. Avere potenza senza perdita di controllo, aprire l'arco olfattivo grazie al gioco di squadra degli ingredienti, stupire senza effetti speciali. In altre parole: sorprendere con semplicità, una semplicità che si rinviene anche nei volti e nei modi di fare di Matteo e Cecilia, che con umiltà hanno cominciato a fare birra dopo che la passione per malti e luppoli era scoccata subito, subito dopo quella dell'amore, tra i banchi dell'università a Roma. Un sogno alimentato lungo la strada statale 77, strada che hanno percorso infinite volte, e che li ha portati ad aprire un birrificio, oltre che a suggerirgli il nome stesso del birrificio. Una gamma ampia quella di MC77 che attesta una bravura non settoriale, dove trovano posto birre di ispirazione tedesca, come la fieramente teutonica Glu Glu Kölsch, o belga, come la blanche San Lorenzo, con la sua sorprendente variazione con fiori d'ibisco, Fleur Sofronia. Non manca la vocazione territoriale che si concretizza con birre come l'Ape Regina che prevede miele locale, e la sua versione stagionale, Ape Regina d'Inverno, prodotta con aggiunta di sapa di Vernaccia di Serrapetrona. Così dopo essere stati premiati come migliori emergenti nel 2015, Matteo e Cecilia alzano meritatamente al cielo il Birraio dell'Anno 2019. 

Tra i premiati di questa undicesima edizione troviamo, per il secondo anno di fila ad un passo dalla vittoria, Giovanni Faenza del laziale Ritual Lab di Formello (RM). Terzo un'altro marchigiano, Marco Raffaeli del birrificio Mukkeller di Porto Sant'Elpidio (FM). Fuori dal podio, quarto, un altro laziale, Conor Gallagher Deeks del birrificio Hilltop di Bassano Romano (VT) e quinto un lombardo, Marco Sabatti del birrificio Porta Bruciata di Rodengo Saiano (BS).


(Vincenzo Follino)

Nella combattuta categoria degli emergenti dedicata ai birrai con meno di due anni di esperienza alla guida di un birrificio, su poco meno di duecento nomi votabili, trionfa Vincenzo Follino del birrificio Bonavena di Faicchio (BN), che ha convinto tutti con una serie di birre perfette da un punto di vista tecnico, chirurgiche nella loro esecuzione, riuscendo con successo anche a riproporre stili poco conosciuti e sicuramente non modaioli. Secondo gradino del podio per Andrea Filippini del birrificio Siemàn di Villaga (VI), terzo Davide Galliussi del birrificio War di Cassina De' Pecchi (MI), quarto Angelo Ruggiero del birrificio Lieviteria di Castellana Grotte (BA), quinto Mauro Bertoletti del birrificio Mister B di San Giorgio Bigarello (MN).

Classifica Birraio dell'Anno 2019

  1. Matteo Pomposini e Cecilia Scisciani del birrificio MC77 di Serrapetrona (MC)
  2. Giovanni Faenza del birrificio Ritual Lab di Formello (RM)
  3. Marco Raffaeli del birrificio Mukkeller di Porto Sant'Elpidio (FM)
  4. Conor Gallagher Deeks del birrificio Hilltop di Bassano Romano (VT)
  5. Marco Sabatti del birrificio Porta Bruciata di Rodengo Saiano (BS)
  6. Samuele Cesaroni della Brasseria della Fonte di Pienza (SI)
  7. Emanuele Longo del Birrificio Lariano di Dolzago (LC)
  8. Josif Vezzoli del birrificio Birra Elvo di Graglia (BI)
  9. Luigi D'Amelio del birrificio Extraomnes di Marnate (VA)
  10. Luciano Landolfi del birrificio Eastside di Latina
  11. Gino Perissutti del birrificio Foglie d'Erba di Forni di Sopra (UD)
  12. Agostino Arioli del Birrificio Italiano di Limido Comasco (CO)
  13. Alessio Selvaggio del birrificio Croce di Malto di Trecate (NO)
  14. Fabio Brocca del Birrificio Lambrate di Milano
  15. Luigi Recchiuti del birrificio Opperbacco di Notaresco (TE)
  16. Mauro Salaorni del birrificio Birra Mastino di San Martino Buon Albergo (VR)
  17. Marco Ruffa del birrificio CR/AK di Campodarsego (PD)
  18. Alessio Gatti del birrificio Canediguerra di Alessandria
  19. Luana Meola e Luca Maestrini del birrificio Birra Perugia di Perugia
  20. Giorgio Masio del birrificio Altavia di Sassello (SV)

Classifica Birraio Emergente 2019

  1. Vincenzo Follino del birrificio Bonavena Brewing di Faicchio (BN)
  2. Andrea Filippini del birrificio Siemàn di Villaga (VI)
  3. Davide Galliussi del birrificio War di Cassina De' Pecchi (MI)
  4. Angelo Ruggiero del birrificio Lieviteria di Castellana Grotte (BA)
  5. Mauro Bertoletti del birrificio Mister B di San Giorgio Bigarello (MN)

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2023 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search