Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il premio il 15 Settembre2021
I vincitori del concorso

di Michele Pizzillo

Secondo un maestro come Iginio Massari, i migliori panettoni artigianali sono quelli di Alessio Rannisi della pasticceria “La Siciliana dal 1956” di Milano per la categoria tradizionale, di Domenico Napoleone della Pasticceria Napoleone di Rieti per quello creativo e Alessandro Luccero della Pasticceria Dolce Stil Novo di Cassino per il panettone al cioccolato ruby.

In questa scelta Massari, ha scelto di farsi aiutare, come giurati, dallo chef Carlo Cracco, dall’head pastry chef dello stesso ristorante Marco Pedron - sicuramente nuova stella emergente della pasticceria italiana -, dal collega altrettanto prestigioso Vittorio Santoro che è anche presidente e direttore di Cast Alimenti e dal vincitore dell’edizione 2020 di Panettone Day, Gianluca Prete. Che con la loro autorevolezza, hanno reso la finale di Panettone Day 2021 – che si è tenut nella sala Mengoni del ristorante in Galleria di Cracco, dove ogni lievitato è stato degustato in totale anonimato - ricca di emozioni, oltre a fare di questo concorso, alla sua nona edizione, punto di riferimento per celebrare l’artigianalità della pasticceria italiana e del suo iconico lievitato nato proprio a Milano.

(Giuria al lavoro)

Al concorso hanno partecipato 175 professionisti provenienti da tutta Italia, per un totale di 326 panettoni in gara, che hanno deciso di accettare con entusiasmo la sfida di Panettone Day, sia con l’obiettivo di mettersi in gioco per una continua crescita personale sia per le opportunità di visibilità e comunicazione connesse al contest. Infatti, i 25 pasticceri finalisti avranno la possibilità di vendere i loro panettoni al pubblico milanese già dal prossimo mese, presso il Temporary Store Panettone Day, che resterà aperto dal 4 a 31 ottobre in uno spazio appositamente attrezzato in corso Garibaldi 50 e dal 15 ottobre e fino alla fine di novembre, nella food hall di Rinascente a Milano e a Roma, per una preview delle dolcezze legate alle ricorrenze e torneranno sotto il periodo natalizio, con un allestimento tematico e brandizzato, nelle principali sedi italiane, ad offrire una proposta ricca e varia per rendere uniche le feste.

Domenico Napoleone e Alessandro Luccero hanno conquistato il parere unanime dei giurati grazie alla qualità delle loro raffinate e originali creazioni, ottenendo il punteggio migliore tra i 25 finalisti in gara (dopo un lungo processo di selezione) per tutti i parametri di giudizio: aspetto, cottura, profumo, colore, alveolatura e gusto. Di seguito, invece, gli altri quattro classificati dietro Rannisi della pasticceria La Siciliana dal 1956, per la Categoria Panettone Tradizionale: Pasquale D'Avanzo della pasticceria La bottega del Dolce a Cicciano (NA); Giacomo Palma della pasticceria Estro e Dolcezze a Tricase (LE); Gennaro Cavallaccio del Panificio Cavallaccio di Trentola Ducenta (CE) e Roberto De Martino della pasticceria L'Orangeria a Bergamo. In questo caso finalmente viene premiato un produttore con sede a Milano – patria del panettone che, però, deve competere con abili artigiani presente in tutta Italia e così bravi da aggiudicarsi i trofei più importanti –, creata però, da una famiglia di origini siciliani che il secolo scorso, all’ombra della Madonnina, cominciarono a proporre granite, cannoli e sfoglie con ricotta e, infine, panettone che, poi, è la passione di Alessio. Il concorso si pone l’obiettivo di promuovere il valore dell’artigianalità nel nostro paese e la sua cultura attraverso un simbolo della pasticceria come il panettone, offrendo una grande opportunità ai finalisti come, appunto, vendere i loro panettoni al pubblico milanese e romano.

I PANETTONI VINCITORI DEL CONCORSO

Miglior panettone creativo dolce

Miglior panettone al cioccolato ruby

Miglior panettone tradizionale

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Patrizia Girardi

Amastuola Wine Resort

Crispiano (Ta)

4) Anche l'occhio vuole la sua parte

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search