Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il premio il 02 Agosto2021
La consegna del premio al nostro Michele Pizzillo

Il vino è sicuramente il prodotto trainante per fare conoscere il territorio.

Però, se insieme al vino ci mettiamo anche i prodotti agroalimentari, i ristoratori e gli operatori turistici, potrebbe essere più facile fare emergere l’identità del territorio e, quindi, fare conoscere tutto il bello che possono offrire le terre del Roero, disse Giovanni Negro ai colleghi viticoltori che avevano accolto con favore la sua idea di organizzare il Premio giornalistico del Roero. E stiamo parlando di alcuni decenni addietro, quando il turismo del vino era ancora tutto da creare, molti produttori non avevano ancora la consapevolezza che per fare scoprire i vini che producevano, era importante fare parlare del territorio di produzione. Negro, invece, ne era ben consapevole e, per essere sicuro di non bruciare una carta che sarebbe stata sicuramente vincente, coinvolse un giornalista di grande esperienza, Gian Mario Ricciardi, capo della redazione piemontese della Rai. Una coppia che sostenuta dagli ottimi produttori di vini, di miele, di formaggi, di salumi e dai ristoratori e operatori turistici del territorio, riesce a portare in giro per il mondo la vera immagine del Roero, una terra unica capace di assicurare esperienze indimenticabili. Tant’è vero che Ricciardi confida l’idea dell’Associazione del Premio giornalistico del Roero, di voler coinvolgere qualche tour operator per pensare ad un pacchetto dove ci sia tutto quello che offre questa terra che il magazine americano Forbes ritiene uno dei posti incantati ancora tutto da scoprire.

D’altronde la “creatura” pensata da Giovanni Negro negli anni '80 ha dato i risultati che questo visionario viticoltore immaginava. Risultati suffragati dai numeri, come quelli della XXXIII edizione del Premio giornalistico del Roero, visto che la giuria presieduta da Gian Mario Ricciardi ha raccolto quasi 250 articoli per selezionare gli otto giornalisti che sono stati premiati a Sommariva del Bosco, centro ritenuto “porta del Roero”, ma anche il “paese delle fiabe” per le suggestioni ed emozioni che assicura ai turisti, nel corso della serata che si è svolta di fronte al Municipio, in uno scenario davvero molto bello. I giornalisti premiati sono Gabriele Russo di Rai Piemonte, Walter Manzoni de La Stampa, Simona De Cero del Corriere della Sera, Francesco D’Agostino del magazine Cucina e Vini, Alessandro Franceschini e Andrea Li Calzi di Lavinium, Michele Pizzillo di Cronache di Gusto, Tommy Mullean di Forbes e la bloggher Nadia Toppino. E, con Giovanni Negro che gioiva nel vedere che il Roero è ormai presente sui grandi giornali di tutto il mondo per i suoi vini, per i prodotti agricoli, per le bellezze ambientali. Tant’è vero che a chiamare – e, ad interrogare i giornalisti premiati – c’era Beppe Rovera che con il suo programma televisivo Ambiente Italia, è stato fra i primi giornalisti a parlare di ambiente, di sostenibilità, di biologico. Così Russo ha riparlato del suo articolo sul miele del Roero; Manzoni che ha raccontato la storica battaglia di Ceresole; De Cero che è rimasta folgorata da un cibo nuovo come le tinche delle terre rosse; D’Agostino autore di uno straordinario reportage focalizzato sulle strade e le colline che hanno fatto grande il Roero; il nostro Michele Pizzillo per come ha svelato i segreti di una terra "multitasking" che va dal vino alla bagnacauda, passando attraverso tutti i percorsi di una terra originale; Mullean che ha fatto conoscere questo angolo di Piemonte agli americani; Li Calzi per aver fatto conoscere chi lavora per la valorizzazione del vino Roero e Toppino che ha un ottino seguito fra i lettori di lingua inglese.

E, a fine serata, gli organizzatori hanno potuto dire che “la tappa di Sommariva del Bosco è stata l’occasione per far emergere il meglio di una terra che ottiene sempre più riconoscimenti a tutti i livelli. È una delle prime grandi carte che il Roero gioca per avviare la rinascita dopo la devastante pandemia”. Tanto da parlare di cena "di rinascita" – quella che è seguita dopo la premiazione - dopo un anno e mezzo d’angoscia e difficoltà. Aspetto, questo, sottolineato anche da sindaci dei centri del Roero che hanno partecipato alla manifestazione e da diversi rappresentanti delle istituzioni pubbliche.

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Elio Mariani

Checchino dal 1887

Roma

1) Trippa alla romana

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search