Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il premio il 01 Ottobre2018

Premi assegnati a Ferdinando Camon, Christian Greco, Carlo Nordio, Gerard Basset e al cardinale Mario Zenari


(I premiati dell'edizione numero 37 del Premio Masi)

Il 37° Premio Masi è stato assegnato a Ferdinando Camon, Christian Greco, Carlo Nordio, Gerard Basset e al Cardinale Mario Zenari. Da questa sera le loro firme arricchiscono la storica botte di Amarone, simbolo del Premio.

Letteratura, ricerca, diritti costituzionali, vino e solidarietà sono gli ambiti professionali in cui si sono distinti i cinque protagonisti del Premio istituito 37 anni fa dalla Fondazione Masi, per celebrare la creatività di persone e istituzioni impegnate a promuovere i valori fondanti della società e del vivere civile. Molti e toccanti i temi trattati dai premiati durante la tradizionale cerimonia privata alle Cantine Masi, a cominciare dall’opera di sostegno che, per espressa volontà del Cardinale Zenari, attraverso il Premio sarà data a tre ospedali no-profit siriani. Contenuti che hanno avuto il plauso di tutta la Fondazione, rappresentata dalla presidente Isabella Bossi Fedrigotti, che così ha commentato: “Quest’anno abbiamo premiato personalità di spicco, che hanno messo la loro vita a servizio dello Stato, della cultura e della letteratura e di questo siamo profondamente fieri. Figure importanti, che sono di esempio al Paese dando un’iniezione di fiducia per la sua futura crescita. Non soltanto a nome della Fondazione e della Giuria, ma a nome di tutti i veneti, siamo ancora una volta orgogliosi di questi riconoscimenti”.

Ricordando l’antico rito della firma della botte, oggetto originale del Premio, Sandro Boscaini, vice presidente della Fondazione Masi e presidente di Masi Agricola, ideatore del Premio, ha dichiarato: “La filosofia che lega i protagonisti dell’edizione 2018 è il valore del saper fare, in un mondo sempre più orientato solo al raccontare. Mai come quest’anno l’antico detto veneziano che recita “saper fare e far sapere” interpreta le personalità dei premiati. Per la prima volta il  “Grosso D’Oro Veneziano” viene interamente devoluto al progetto di sostegno agli ospedali in Siria, perché è nostro dovere aiutare l’immensa necessità che c’è in questa terra. Siamo sempre più convinti che la cultura costituisca la chiave per aprire le porte in tutto il mondo”. 

Il Civiltà Veneta, conferito ai simboli dell’eccellenza della “gente veneta” nei campi della cultura, delle scienze e dell’imprenditoria, è stato assegnato al padovano Ferdinando Camon, "singolare esempio di scrittore provinciale ed europeo insieme" come sottolinea la giuria del Premio; al direttore del Museo Egizio di Torino Christian Greco, vicentino, "egittologo e archeologo di fama internazionale" e al magistrato trevigiano Carlo Nordio, "luminosa figura di servitore della giustizia, mai disgiunta da umanità e garanzia dei diritti costituzionali". Attribuito invece “alla straordinaria carriera e opera” del Master of Wine anglo-francese Gerard Basset il Premio Internazionale Civiltà del Vino. Infine il Premio Internazionale Grosso D’Oro Veneziano, che premia personalità o istituzioni che diffondono un messaggio di progresso civile, fratellanza e pace tra i popoli, è stato attribuito al Cardinale Mario Zenari, Nunzio apostolico in Siria, “impegnato nello scenario di una lunga e atroce guerra ad alleviare sofferenze e lutti con spirito umanitario che trascende valutazioni di appartenenza”. Per volontà del Cardinale, quest’anno la somma di denaro del Premio Grosso D’Oro Veneziano, sarà devoluta a sostegno di tre ospedali no-profit siriani (due a Damasco uno ad Aleppo) aperti a tutti senza distinzione di appartenenza.

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Carmine di Donna

www.carminedidonna.it

3) Bignè con croccante e crema pasticcera

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search