Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il prodotto il 09 Giugno2017

Due turisti in visita in città chiedono il dolce tipico siciliano. Che però arriva "quasi fosse stato investito da un tir"

di Giovanni Franco

Il cannolo è uno dei dolci simbolo della Sicilia. Si narra che furono le donne dell'Harem del Castello delle donne del signore dell'allora "Qalat-an-Nisa" (Caltanissetta) a preparalo per la prima volta. Leggenda? Chissà.  

Di certo c'è, secondo gli storici, che le sue radici risalgono alla dominazione araba in Sicilia (dal 827 al 1091). Mentre un anonimo siciliano riportato dal Pitrè cantò così le lodi di questa leccornia:"Beddi cannola di Carnalivari; Megghiu vuccuni a lu munnu 'un ci nn'è. Su biniditti spisi li dinari; Ognu cannolu è scettru d'ogni Re. Arrivinu li donni a disistari; Lu cannolu è la virga di Mosè: Cui nun ni mangia si fazza ammazzari, Cu li disprezza è un gran curnutu affè!". Il dolce era apprezzato già dagli antichi romani: "Tubus farinarius, dulcissimo, edulio ex lacte factus", lo definì Marco Tullio Cicerone quando era questore in Sicilia, a Lylibeum (l'odierna Marsala), prima di diventare console romano.

Per omaggiare il dolce siciliano, il 2 febbraio 2014, gli informatici Paolo e Fabrizio Capasso e i videomaker Fabio Leone e Antonella Barbera con l'aiuto di pochi altri amici e l'autorizzazione speciale degli enti preposti al volo, tra cui Enac Palermo, Enav Roma, Aeronautica Militare e 41esimo Stormo Sigonella, hanno effettuato il lancio di un pallone sonda dalla Rocca di Cerere ad Enna contenente "un cannolo siciliano". Il dolce è stato poi ulteriormente reso famoso per fatti di cronaca legati alla famosa foto nella stanza di Totò Cuffaro e in alcune scene di vari film. Per chi arriva in Sicilia diventa insomma quasi d'obbligo mangiarlo. Come ad omaggiare un'antica tradizione e fare un tuffo nel passato della storia culinaria. E così è stato anche l'altra sera in compagnia di alcuni amici in questi giorni impegnati a scattare fotografie nell'Isola.

Durante la loro tappa a Palermo siamo andati a cena insieme. Hanno chiesto di andare a mangiare in un posto che cucinasse pietanze tipiche locali. Dopo avere assaggiato un antipasto di panelle e di polpettine di melenzane, abbiamo divorato un ottima pasta alla norma (pomodoro, melenzane e ricotta salata). Poi è stata la volta del dessert. Giuseppe Cardoni ha chiesto il cannolo. "Che non sia scomposto…", ho subito aggiunto io. Richiesta non accolta. Quando il mio amico ha visto quella poltiglia di cialde e ricotta è rimasto deluso. Filippo Sproviero seduto accanto a lui, nisseno di nascita che da anni vive in Umbria, ha sorriso ed ha detto: "Sembra che questo dolce sia stato investito da un tir". Ecco ora io vorrei sapere, prima che si giunga alla cassata scomposta e al pane con la "meusa" trasformato in non so cos'altro, a chi è venuta l'idea di scomporre il cannolo e lasciare delusi i miei amici? Ha fatto bene allora l'altro commensale Luigi Loretoni a ordinare un altro dolce non tipico siciliano. Dopo averli lasciati in albergo mi è rimasto impresso nella memoria lo sguardo di Filippo mentre mangiava il dolce che ha provato a fare assaggiare agli altri seduti intorno al tavolo. Non ha accettato nessuno.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Luca Lacalamita

Lula pane e dessert

Trani (Bt)

2) Pane di segale

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search