Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il prodotto il 13 Gennaio 2012
di C.d.G.


Ape nera sicula

Sarà una siciliana a salvare la specie?

Il dilemma, letto così, potrebbe essere la trama di un film drammatico molto scadente. Dove l’unica sopravvissuta, o quasi, è una siciliana. Ed ha il compito di salvare la specie umana. Qui non si parla di donne. Ma di api. Che affascinano gli esperti e gli ingegneri. Che hanno preso carta e penna e hanno compiuto svariati studi su questi insetti. E sono arrivati presto ad una conclusione. Le api non possono volare. Peccato che loro non lo sanno e continuano a svolazzare di fiore in fiore alla ricerca del prezioso polline da portare all’interno dell’alveare. Anche Albert Einstein si era affezionato a questi insetti. «Se dovessero sparire le api dalla superficie della Terra, all'uomo non rimarrebbero più di quattro anni di vita. Senza le api non si ha impollinazione e quindi l'uomo sarebbe condannato all'estinzione». Diceva così il famoso fisico. Una teoria che è tornata incredibilmente di attualità. Visto che le api sono a rischio estinzione. In molte parti del mondo. Anche se nel vecchio continente, Italia compresa, le api hanno fatto registrare un incremento della loro popolazione. Incremento che aumenterà (e scusate il gioco di parole) grazie proprio ad un’ape siciliana, l’apis mellifera, o ape nera sicula.


Carlo Amodeo

E grazie alla passione ed agli studi compiuti da Carlo Amodeo, un apicoltore, insieme al compianto professor Pietro Genduso, docente di agraria presso l’università di Palermo. Che hanno iniziato a collaborare e hanno creato un laboratorio a cielo aperto alle isole Eolie. Dove hanno lasciato che l’ape nera, libera da tutto, potesse crescere e svilupparsi “in purezza”. Lo ha fatto talmente bene che la Regione Sicilia ha finanziato un progetto di reintroduzione e conservazione dell’apis mellifera con 400 mila euro. Iniziativa presentata oggi all’Istituto Zooprofilattico e intitolata al professor Genduso, artefice, insieme ad Amodeo della riuscita dell’esperimento. Al progetto collaboreranno le università di Palermo e Catania, la fondazione Slow Food e la Soat di Collesano.

In tre anni saranno inserite nella Sicilia orientale qualcosa come 15 mila celle reali con altrettante api regina e con ugual numero di stazioni di fecondazione. L’ape regina avrà il compito di proliferare e costruire il suo mini-impero per far sopravvivere la specie. Ma, soprattuto, per permettere il ciclo vitale di impollinazione delle piante. E della produzione di miele. Tanto apprezzato che anche il principe Carlo d'Inghilterra ne ha voluto un’arnia da far sviluppare al cospetto di sua maestà, la regina Elisabetta II. "Un progetto che è nato dalla necessità di salvaguardare la specie – dice Amodeo – perché queste api rischiavano di essere abbandonate a sè stesse". Studi hanno dimostrato che l’ape sicula resiste bene ai momenti delicati che stanno attraversando varie specie e non sono mai state registrate, negli anni, morie eccessive. "Un’ape sempre più apprezzata in tutto il mondo – conclude Amodeo –. Un progetto che servirà a salvaguardare la specie ed assolutamente senza rischi per l’intero ecosistema".

Giorgio Vaiana


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search