Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il prodotto il 01 Marzo 2012
di C.d.G.

Il consorzio della pesca di Leonforte torna dalla manifestazione Fruit Logistica di Berlino con un bagaglio di esperienza in più e con idee importanti per il packaging, ossia per l’imballaggio e la distribuzione del proprio prodotto.

Ne parla Domenico Di Stefano, referente commerciale del consorzio: "Una vetrina internazionale molto importante – dice, riferendosi alla Fruit Logistica – Non abbiamo avuto grandi risposte dal punto di vista commerciale, ma in realtà perchè in Germania abbiamo portato solo i “trasformati” e non il prodotto fresco. Ma abbiamo studiato ed appreso i segreti del packaging internazionale, quello usato dai grandi distributori. Con loro potremmo instaurare un rapporto di collaborazione molto importante".

Il consorzio di Leonforte è famoso per la pratica dell’”insacchettamento”. Una pratica sconosciuta ai più. In pratica, vengono ricoperte le pesche “neonate” con sacchetti di carta argentata fin dal mese di giugno. Questa è la caratteristica principale della pesca di Leonforte, che da poco può vantare il marchio Igp e dal 1996 è sotto la tutela del consorzio nato a Leonforte da un’idea di Pippo Trovati. Che ormai non c’è più.

La pesca di Leonforte viene prodotta da due cooperative che raccolgono in totale circa 40 produttori. Sono “La settembrina” con 30 aziende e “Biofrutta”, che conta una decina di produttori. "La forza di questo frutto è l’extra tardività in cui matura", spiega Di Stefano. Già, perchè le pesche di Leonforte sono “pronte” a metà settembre e fino ad ottobre. Ma alcune varietà possono maturare anche nei primi giorni di novembre. "Il nostro è un mercato di nicchia – continua Di Stefano – dove gli unici nostri concorrenti sono gli spagnoli. E paradossalmente, rispetto a due anni fa, quando abbiamo iniziato a fare un po’ di comunicazione, le vendite hanno fatto registrare un aumento". Grazie al metodo dell’insacchettamento, le pesche possono essere quantificate. Ne producono circa due milioni. Questo metodo, antico ed utilizzato dai nonni, permette al frutto una maturazione senza l’uso di alcun genere di pesticidi chimici. La pesca ha un sapore dolce e la polpa è molto compatta.

"L’extra tardività – spiega Di Stefano – probabilmente è dovuta alla forte escursione termica che si registra in queste zone tra il giorno e la notte". Il consorzio ha il suo mercato maggiormente nel territorio regionale e da poco ha iniziato le vendite anche in Olanda ed in Francia. "Produciamo anche dei lavorati come la sciroppata e le confetture", dice Di Stefano. Che punta il dito contro il mercato generale in Sicilia e sul rischio di estinzione della pesca di Leonforte.

"Oggi tendono a far produrre una pesca unica per tutta la regione, una sorta di pesca siciliana da far conoscere in giro per l’Italia e per l’Europa, evitando il numero di specie che contraddistingue le produzione siciliana – dice – Questo prodotto standard a noi non sta bene, visto che produciamo una pesca di qualità superiore". Il calo delle vendite e dei produttori probabilmente è dovuto alla mancanza di personale: "I giovani non vogliono scommettere in questo settore dove la maggior parte delle volte sei in perdita e dove le amministrazioni locali non ti danno una mano. Poi, l’apertura delle frontiere ha solo portato disastri".

Per Di Stefano, infatti, non si può competere con quello che arriva dall’estero. "I costi di produzione da noi sono elevatissimi – dice –, la manovalanza scarseggia sempre di più. Adesso dovremmo fare qualcosa per riattivare il mercato, attraverso la promozione dei nostri prodotti, ma soprattutto attraverso un aiuto dai finanziamenti pubblici".   

Giorgio Vaiana


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

1) Crocchetta di stoccafisso e crema di capperi

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search