Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il prodotto il 05 Ottobre2011

Il Buccellato di Casteldaccia, dolce tipicamente natalizio il cui nome deriva da buccellatum ovvero pane di forma rotonda composta da una corona di panini detti buccellae, diventa prodotto DE.C.O. (Denominazione Comunale di Origine).

Un percorso per rivendicare la sigla che inizia nel marzo scorso in consiglio comunale quando, su proposta dell'assessore alle Attività produttive, Vincenzo Accurso, viene approvata all'unanimità il regolamento per la va-lorizzazione delle attività artigianali e agro-alimentari. Del resto il buccellato di Casteldaccia è un prodotto noto per la sua bontà.
Si decide dunque di formare una commissione della quale faranno parte il sindaco Giovanni Di Giacinto, Nico Panno in rappresentanza del Pastificio Tomasello, Marianna Di Salvo della casa vinicola Corvo di Salaparuta, l'enologo Pietro Panno e Gianfranco Geraci dell'associazione Cultura e tradizioni di Casteldaccia. Saranno loro a stilare il disciplinare.


Una fase della preparazione dei buccellati

Poi il 27 settembre, appena una settimana fa dunque, arriva il riconoscimento come DE.C.O.. Nella  stessa seduta viene approvato anche il logo della DE.C.O. che nasce da un’idea del grafico Onofrio Magro e rappresenta in modo stilizzato la torre di Casteldaccia con la scritta DE.C.O..  D’ora in poi così i produttori e gli esercizi commerciali che vorranno esporre od utilizzare  il logo potranno farlo dopo aver dichiarato sotto la propria responsabilità civile e penale che il prodotto in vendita rispetta il disciplinare di produzione approvato dalla giunta. Ed il buccellato di Casteldaccia s’inserisce nella lunga lista dei prodotti siciliani DE.C.O., come la cioccolata di Modica, le fragole di Marsala, le olive Giarraffa di Giuliana.

Ecco di seguito il disciplinare di produzione:
 

COMUNE DI CASTELDACCIA
Provincia di Palermo
COMMISSIONE DE.C.O.

Disciplinare  di produzione del Buccellato di Casteldaccia

Art. 1 – Denominazione Geografica

La denominazione “Buccellato di Casteldaccia “ e' riservata al prodotto le cui fasi di lavorazione e produzione hanno luogo a  Casteldaccia  (PA) dove  storicamente  si  e' sviluppata con caratteristiche uniche e tipiche.

Art. 2 -  Il Buccelato di Casteldaccia viene prodotto  nelle due note versioni A) con le mandorle B) con i fichi.

Art. 3 -  Le materie prime utilizzate per la loro produzione sono esclusivamente: reperiti nell'ambito della regione Sicilia.

Art. 4 – Produzione del buccellato di Casteldaccia  con le mandorle: (dosi per un kg)
 
A) Ingredienti per il ripieno: Mandorle ( spellate con tutta la buccia ) tritate ,melone bianco inver-nale , zucchero,vanillina,zuccata,cannella ,olio di mandorle,zucchero a velo.(Il ripieno deve rappresentare almeno il 50% del peso totale).
B) Pasta frolla siciliana (con sugna)
C) Forma:La forma del buccelato con le mandorle e' a semiluna.
D) Peso: Il buccellato con le mandorle deve avere un peso che oscilla tra i 70 ed i 100 g
E) Dopo che il ripieno veine assemblato nellla psta frolla con la clssica forma a semiluna il processo si conclude con la cottura al forno e la spolverata di zucchero a velo

Art. 5 – Produzione del Buccellato di Casteldaccia con i fichi secchi.

A) Ingredienti: Fichi secchi mandorle,nocciole,ciooccolato fondente a gocce,zuccata a cubetti,marmellata,uva passa,scorza di arancia,vanillina cannella in polvere.Zucchero a velo
B) Pasta frolla siciliana (con sugna)
C) Forma:La forma del buccelato con le mandorle e' a semiluna.
D) Peso: Il buccellato con i fichi deve avere un peso che oscilla tra i 70 ed i 100 g
E) Dopo che il ripieno veine assemblato nellla pasta frolla con la classica forma a parallellogramma, il processo si conclude con la cottura al forno e la spolverata di zucchero a velo

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Luca Lacalamita

Lula pane e dessert

Trani (Bt)

2) Pane di segale

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search