Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il prodotto il 11 Novembre2019


(Luigi Dattilo, Angelo Dattilo e Roberto Fattore)

di Michele Pizzillo, Milano

Dici tartufo e l’interlocutore ti risponde Alba. Qualcuno più documentato cita Acqualagna oppure rammenta alcune località dove si trova dell’ottimo tartufo nero. 

Per arrivare all’Appennino bolognese e, quindi, ad un centro che si chiama Savigno oppure Valsamoggia – comune creato solo cinque anni fa -, beh, o hai di fronte un super informato o qualcuno che si ricorda di un tartufo record, di 1,483 chili trovato proprio a Savigno nel 2014. A questo punto entra in ballo un’azienda che si chiama Appennino Food Group, che da laboratorio artigianale è diventata la terza impresa italiana nel settore tartufo, oltre che unica società per azioni del comparto. Ma, controllata da due fratelli, Luigi e Angelo Dattilo che hanno coinvolto uno dei massimi cercatori di tartufo, Roberto Fattore. 

I Dattilo, questo risultato lo hanno raggiunto intanto per la loro collocazione, nei boschi dell’Appennino bolognese, habitat ideale di questo capriccio della natura, così definisce il tartufo Luigi. Poi, per un intenso lavoro di studio e di ricerca unito a innovazione e tradizione. Tant’è che Luigi, fondatore di Appennino, sottolinea che “la filosofia aziendale è basata semplicemente sul rispetto delle materie prime, oltre ad investire nella più avanzata tecnologia. Abbiamo iniziato con il tartufo, per sviluppare poi altri prodotti come condimenti per la pasta, con l’obiettivo di conquistare i migliori ristoranti al mondo. Una squadra in gran parte di giovani del territorio, ma anche collaboratori che lavorano con i fondatori da 15 o addirittura 20 anni. Ormai possiamo affermare di aver creato un’azienda con responsabili di produzione, di qualità, di finanza, di marketing. Siamo in tre nel consiglio d’amministrazione: io, mio fratello Angelo e da tre anni il massimo esperto in tartufi del nostro territorio Roberto Fattore".


(Il cane lagotto)

Tutto inizia trentadue anni fa, con la decisione di Luigi di rinunciare ad una Golf Gtd, top dell’epoca, del valore di 9,5 milioni delle vecchie lire, per comprare un pointer, che chiamerà Geo. “Divento tartufaio. Imparo a trovare i tartufi grazie al fiuto di Geo. Busso per trattorie e ristoranti offrendo il frutto del mio sforzo nei boschi”, rammenta oggi Dattilo. Poi arriva il fratello cadetto, Angelo, che subito si dedica alla gestione della dell’Appennino Food Group con rigore svizzero.  Che al tartufo bianco affianca quello nero, nonché funghi porcini surgelati, salse tartufate, tartufo (a fette in olio, con tartufo, creme di formaggio, creme di verdure, salsa di tartufo bianco). Nasce, anche, la “Dispensa di Amerigo”, brand che propone condimenti per pasta: ragù tradizionale bolognese, ragù di carni pregiate, cinghiale, capriolo e cervo. Le ricette più tradizionali: dal cacio e pepe all’amatriciana, dalla carbonara alla puttanesca. E, infine, nei lunghi corridoi della “fabbrica” di Savigno, appare un inaspettato angolo dedicato ai liquori, naturali, frutto al cento per cento di spirits italiani: “Non sono capricci, ma esigenze espresse dal target a cui ci rivolgiamo: dai ristoratori ai commercianti specializzati”, è sempre Luigi che parla. E, presenta il terzo socio della sua avventura, Roberto Fattore, che lavora con lui praticamente dall’inizio e solo tre anni fa decide di diventare anche socio, con l’obiettivo di vendere tartufi 12 mesi l’anno.

I numeri danno ragione ai tre tartufai di Appennino che hanno fatto scoprire un nuovo habitat ideale per i tartufi di qualità, l’Appennino bolognese. I numeri sono dalla loro parte: nel 2017 il fatturato ha toccato 9,5 milioni; 10,4 milioni l’anno successivo, che diventeranno 15,3 milioni entro il 2021 e puntare subito a superare i 20 milioni di euro. Per raggiungere questo traguardo, i Dattilo e Fattori hanno predisposto un piano di sviluppo che parte dall’implementazione dei comparti produttivi e arriva al rafforzamento della presenza sui mercati internazionali; dalla presenza nelle fiere internazionali ai contratti con le più grandi catene alberghiere. Insomma: crescere e diventare leader tra le imprese che propongono al mondo il tartufo. 

In tutto questo impegno, c’è anche una particolare attenzione per il lagotto, il cane più adatto per la ricerca del tartufo bianco. Un cane italiano diventato famoso quando è stato scelto da Barack Obama come cane di compagnia per le sue figlie perché il suo pelo non provoca problemi a chi soffre di allergie. Sull’Appennino è imbattibile, dotato di olfatto eccezionale, è la razza più idonea nella ricerca del tartufo. Per consentire a chiunque di vivere l’esperienza esclusiva della caccia al tartufo con il lagotto, Appennino Food Group mette a disposizione la box experience per provare in prima persona l’emozione di cercare questo tesoro della natura. 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Riccardo Camanini

Ristorante Lido 84

Gardone Riviera (Bs)

1) Sarda di lago affumicata e fritta

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search