Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il prodotto il 07 Dicembre2017

di Clara Minissale

Possono i canditi fare la differenza nel giudicare la qualità di un panettone? “Certamente sì”. Non ha dubbi Paolo Ganduscio, produttore di Arance di Ribera dop, che quest’anno è salito indirettamente sul podio di Re Panettone, il concorso milanese giunto alla decima edizione che decreta i migliori dolci lievitati italiani. 

Sono stati fatti con le sue Washington Navel, infatti, i canditi usati dalla pasticceria Ascolese di San Valentino in Torio, in provincia di Salerno, che si è piazzata al primo posto nella competizione milanese con il suo panettone tradizionale. Per Ganduscio e le sue arance, un nuovo riconoscimento di qualità, dato che anche lo scorso anno le sue dop di Ribera erano finite sotto forma di canditi nel panettone realizzato da Roscioli al Forno Campo de’ Fiori a Roma, anch’esso tra i migliori prodotti in Italia e che in precedenza erano stati utilizzati anche da un rinomato panificio della provincia di Trento.

“Quest’anno – racconta Ganduscio – abbiamo mandato nel salernitano un centinaio di chili di arance proprio per fare i canditi per i panettoni. Per fare dei buoni canditi – spiega - servono innanzitutto prodotti bio, poi frutti di grossa pezzatura, almeno 300 grami ciascuno, perché serve la buccia di un buono spessore. Solo così quando si mangia, rilascia tutti i suoi aromi. Le nostre arance di Ribera hanno tutte queste caratteristiche e per questo possono fare la differenza”. 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Luca Lacalamita

Lula pane e dessert

Trani (Bt)

1) Tartelletta di stagione

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search