Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il prodotto il 05 Marzo2021
Giovanni Catalano

 

A Napoli è un classico dei classici e sicuramente il dolce pasquale per eccellenza: la pastiera. Possiamo dire l’alter ego della cassata siciliana. Dove trovarla a Palermo?

Da Oscar 1965 (premio Best in Sicily nel 2017 come Migliore Pasticceria), in via Mariano Migliaccio, dove si produce da circa 30 anni. "Iniziò a produrla mio padre Vincenzo – afferma il titolare Giuseppe Di Gaetano – per accontentare la richiesta di una cliente anziana di origini napoletane. Fu lei a darci la ricetta originale, che negli anni ha subito lievi variazioni, solo per renderla più leggera, con meno grassi, meno uova. Ma tutto nacque così. La signora, che si era trasferita in Sicilia, sentiva la mancanza di quel dolce dei suoi ricordi di infanzia a Napoli, ma non riusciva a trovarlo a Palermo. Chiese a mio padre di produrla e lui iniziò a realizzarla, prima sporadicamente, poi continuamente. Non solo perché piacque tanto ai clienti, che non riuscirono più a farne a meno, ma anche perché a lui piaceva particolarmente. Questo aneddoto racconta un po’ la nostra storia. Una volta intorno ad una pasticceria di quartiere si creava una vera e propria comunità. C’era un rapporto speciale con i clienti, che noi cerchiamo di mantenere anche oggi. Capita ancora che un dolce nasca dopo un suggerimento o un desiderio che cerchiamo di soddisfare. Di certo da noi non mancano i dolci della tradizione siciliana, anche innovati e resi più moderni e leggeri. La stessa pastiera oggi è un must, goloso ma leggero, e ormai è in produzione tutto l’anno".

(La pastiera di Oscar)

A perfezionarla nel tempo, dopo il signor Vincenzo, fondatore della pasticceria, è lo storico pastrychef di Oscar, Giovanni Catalano. "Sono stato a Napoli diverse volte e lì ho appreso le giuste dritte da amici pasticceri – racconta Giovanni - La ricetta è a base di crema, ricotta, grano cotto con latte e burro e aromi di fiori d’arancio e bacca di vaniglia. Per prima cosa si fa bollire il grano, dopo si ricuoce con latte e burro per circa 20 minuti, poi vanno aggiunti crema, ricotta e cubetti canditi di arancio e cedro, uova e aromi. La pastiera viene conclusa con una tortiera ricoperta di frolla, dove viene versato il composto preparato. Cotta in forno a 180 gradi per 30 minuti. La mia variante è più leggera, più contemporanea, ma non lontana dall’originale".

L’origine della pastiera napoletana affonda le sue radici nel mito. Secondo la leggenda nacque dal culto della sirena Partenope. Ma in realtà furono le suore a inventarla, mescolando gli ingredienti simbolo della Resurrezione con i fiori d'arancio del giardino conventuale. Tornando invece al mito, la sirena Partenope aveva scelto come dimora il Golfo di Napoli, da dove si spandeva la sua voce melodiosa e dolcissima. Per ringraziarla si celebrava un misterioso culto, durante il quale la popolazione portava alla sirena sette doni: la farina, simbolo di ricchezza; la ricotta, simbolo di abbondanza; le uova, che richiamano la fertilità; il grano cotto nel latte, a simboleggiare la fusione di regno animale e vegetale; i fiori d’arancio; le spezie, omaggio di tutti i popoli; lo zucchero, per celebrare la dolcezza del canto della sirena. Partenope gradì i doni, ma li mescolò creando questo dolce unico. Un po’ di suggestioni fanno sempre bene quando si parla di dolci.

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Isa Mazzocchi

Ristorante La Palta

Frazione Bilegno - Borgonovo Val Tidone

2) Raviolo di ravioli in sei stagionature di Parmigiano Reggiano

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search