Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il prodotto il 10 Agosto 2011
di Redazione

A giugno è troppo presto ad agosto è troppo tardi, è luglio il mese di raccolta dell’origano.

Così ci spiega Giuseppe Scaccia, meglio conosciuto come u zù Pinu contadinu che da settant’anni vive nelle colline delle basse Madonie precisamente a Montemaggiore Belsito e di agricoltura se ne intende. Proprio queste colline sono l’habitat ideale per l’origano ad un’altezza compresa tra i settecento ed i mille metri sul livello del mare.
L’origano è una pianta aromatica, tipica del bacino del mar Mediterraneo, che cresce spontanea e che per avere il giusto aroma deve essere impollinata. Esiste infatti una pianta masculinae una femminina. La pianta maschio ha i fiori rossi, quella femmina ha i fiori bianchi. Esistono anche delle coltivazioni create con i semi della pianta, ma non hanno la stessa fragranza di quella selvatica. Montemaggiore Belsito e Aliminusa, in particolare in contrada Soprana e il Bosco di Granza, quest’ultimo oggi riserva naturale, sono i territori in cui spunta l’origano migliore. Le piante raggiungono un’altezza che va da venti a sessanta centimetri.  Quando si raccoglie bisogna fare attenzione a non estirpare le radici, che al contrario devono restare nel terreno per assicurare la sopravvivenza della pianta che l’anno successivo, sarà di nuovo produttiva. L’origano cresce in un terreno asciutto, di tipo calcareo, si trova in genere vicino ai sassi. Nel mese di agosto l’arbusto produce i semi, per questo non è indicato raccogliere origano in questo periodo, mentre nel mese di giugno la pianta dopo la pausa invernale e il risveglio primaverile, produce i fiori per la raccolta di luglio. E’ preferibile raccogliere l’origano a piccoli mazzi, e per conservarlo occorre ombra e vento, mai metterlo al sole, perché diventa nero. Non va lavato perché perderebbe l’aroma, “d’altro canto il fatto che la pianta cresca in ambiente montano – precisa Zu Pinu - la rende pulita senza quella polvere che potrebbe trattenere se crescesse in zona costiera o argillosa”. In cucina l’origano viene impiegato per aromatizzare carne, pesce, insalate, patate ed anche la pizza. Le sue proprietà terapeutiche invece comprendono un uso antalgico, analgesico e antispasmodico. Come infuso viene usato contro la tosse, l’emicrania, i disturbi digestivi e i dolori di natura reumatica. Infine, il suo profumo tiene lontane le formiche.

Aurora Rainieri


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Antonio Zaccardi

Pashà Ristorante

Conversano (Ba)

4) Provola affumicata dessert

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search