Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il prodotto
di C.d.G.

Un Fiano di Avellino di dodici anni. Una degustazione particolare all’interno del padiglione Campania durante i giorni del Vinitaly.

Prodotto da Cantine del Barone di Cesinali. in provincia di Avellino, fondata da un nobile casato che ha legato la sua storia anche alla coltivazione di vigneti. L'azienda che oggi conta una piccola produzione di 16 mila bottiglie.

Fiano, Greco di Tufo, Aglianico e Taurasi sono le tipologie principali.  Pochi ettari di terreno per una ricerca di grande qualità.

Dal 1998 a seguire la produzione, la famiglia Sarno. Oggi titolare ed enologo dell’azienda è Luigi Sarno (nella foto), custode della preziosa bottiglie di cui esistono solo 30 esemplari.

Questo Fiano già alla mescita colpisce per il suo colore giallo paglierino dai riflessi ancora verdolini. Dalla sua limpidezza e dal suo colore non si direbbe proprio che si tratta di un vino del 2000. All’olfatto sprigiona diversi sentori che gli conferiscono una certa complessità con profumi che variano dalla frutta  gialla esotica alle note di nocciola. Al palato risulta fresco, sapido e soprattutto acido. Il risultato è un vino estremamente piacevole e persistente. Se il segreto della longevità dei bianchi campani sta nell'acidità, sicuramente questo prodotto ne è un esempio. Perfetto come aperitivo, sui crudi di pesce, ma anche sulla frutta e come accompagnamento alla pasticceria secca del territorio. Un vino che nella sua complessità mostra una facile beva.

Maria Antonietta Pioppo


Cantina del Barone
Via Nocelleto, 21
83020 - Cesinali (AV)
Tel. e Fax: 0825/666751
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Maurizio Albarello
Trattoria Antica Torre
Barbaresco (Cn)

Stefano Mazzone

Grand Hotel Quisisana

Capri (Na)

2) Tortelli di cipolle al burro di acciughe e pecorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search