Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il progetto il 03 Febbraio2021

Ottenere piantine figlie di Glera per la produzione di Prosecco resistenti a peronospora e oidio – le principali malattie che affliggono la vite - e promuovere nel contempo lo sviluppo di nuove pratiche agricole sostenibili, e di una vitivinicoltura libera dall’utilizzo di prodotti fitosanitari.

Sono questi gli obiettivi del progetto Gleres, avviato nel 2017 da una collaborazione tra Confagricoltura Treviso e il Crea-Ve; una ricerca che l’azienda Merotto ha deciso fin dal principio di cofinanziare assieme ad altre realtà del territorio. Nel 2017, anno d’inizio del progetto, la varietà Glera è stata incrociata con numerosi parentali resistenti alle malattie fungine, e nel 2019 i primi germogli ottenuti sono stati piantati. A tre anni dal via il team dei ricercatori ha potuto presentare i primi risultati tangibili: oltre ad un numero elevatissimo di incroci andati a buon fine, nel settembre del 2020 sono comparsi i primi grappoli d’uva sulle viti sperimentali. "Si tratta di un progetto che la nostra azienda ha abbracciato da subito", commenta Graziano Merotto che, alla guida dell’azienda omonima, da 50 anni produce Prosecco Superiore di Conegliano Valdobbiadene con particolare attenzione alla difesa e al rispetto del territorio. "L'ambiente è il patrimonio più importante che abbiamo e, in quanto produttori, è nostro dovere impegnarci per la sua tutela e salvaguardia - prosegue - Grazie a Gleres abbiamo la possibilità di sviluppare nuove soluzioni che ci permettano di intervenire il meno possibile sui processi naturali, adottando un approccio più rispettoso nei confronti di quella terra a cui dobbiamo così tanto". Secondo il direttore del Crea-Ve Riccardo Velasco entro il 2022 verranno moltiplicate le piantine più promettenti e nel giro di un paio d’anni queste nuove varietà potranno essere piantate nei vigneti dei produttori partecipanti al progetto. Oltre a Merotto, infatti, sostengono Glerese altre 16 aziende del territorio.

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Massimo Quacquarelli

Ristorante Corteinfiore

Trani

1) Ricciola marinata allo Chartreuse e zuppetta di finocchio al lime

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search