Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il progetto il 13 Gennaio2021
Da sinistra Dante Pasqua, Emiliano Falsini e Giuseppe Russo, i soci dell’azienda “I Suoli”

Tre amici con l’amore per il vino. Passione che diventa lavoro e progetto di vita.

E ora si aggiunge la voglia matta di osare, di alzare l’asticella del quotidiano. Nasce cosi, con questa motivazione una nuova azienda sull’Etna. Si chiama “I Suoli” e mette insieme tre nomi che tra gli addetti ai lavori non hanno bisogno certo di presentazioni. Il primo è quello di Giuseppe Russo, patron della cantina Girolamo Russo a Passopisciaro; il secondo è quello di Emiliano Falsini, già wine maker di Russo e consulente di tante cantine tra nord e sud Italia, un toscano che ormai sull’Etna (complici altri incarichi professionali) si muove come a casa sua; il terzo è Dante Pasqua, amico storico di Giuseppe, piccolo vignaiolo anche lui con un vigneto a Calderara Sottana e oggi uno dei più stretti collaboratori della Girolamo Russo che oggi è tra i brand più affermati sul vulcano. Attacca Giuseppe Russo: “È una idea nata qualche anno fa. Facendo vino poi ti viene voglia di ampliare il tuo orizzonte. Di base c’è la voglia di divertirsi. È nato tutto così quasi per gioco con il desiderio forte di fare qualcosa di diverso. Sperimentare è la nostra mission. Ed infatti con “I Suoli“ - il cui nome - continua Russo - dice già tanto su quanto siamo attaccati al territorio, un modo per evidenziare la biodiversità che il vulcano possiede e propone - non faremo mai cose che facciamo con la mia azienda”.

Gli fa eco Emiliano Falsini: “Faremo le bollicine, col metodo ancestrale da nerello mascalese, ricorreremo a vitigni diversi dal solito, faremo vinificazioni diverse, andremo a cercare uva fuori dalla Doc Etna”. Proposito chiaro che Falsini ribadisce partendo dal suo amore per l’Etna. “La mia è stata una folgorazione e lo dico senza retorica. L’Etna è il territorio dove fare vino assume un sapore speciale. Grandi potenzialità. Voglio mettermi in gioco in questo territorio eccitante. Provate a chiedere a un produttore di ogni parte d’Italia dove vorrebbe fare vino oltre alla propria zona. Conosco già la risposta. Etna”. Falsini entra nel dettaglio: “Mettersi in gioco, rischiare, ci aiuta a crescere. Con “I Suoli” vinifichiamo dal 20 al 40 per cento con grappoli interi. Pensiamo che tutto questo possa caratterizzare i vini ricercando eleganza. Vengono vini con una componente tannica molto interessante che col Nerello Mascalese può dare aspetti molto interessanti. E poi solo contenitori aperti. Cerchiamo l’aspetto etereo del vino. Niente lieviti, fermentazioni spontanee. Vinifichiamo separatamente e facciamo i blend. Il vino non è né filtrato né chiarificato”.

Sono partiti con due rossi, vendemmia 2018. Il primo Piripicchio, l’altro Rilievi, due etichette, rigorosamente disegnate dalla giornalista Carla Capalbo (sono sue anche quelle dei vini della Girolamo Russo). Due ettari appena, per adesso. E già fioccano gli apprezzamenti degli amici e dei clienti più affezionati. E poi tra poco arriverà con la stessa vendemmia uno spumante rifermentato in bottiglia. “E la rifermentazione - aggiunge Giuseppe Russo - avverrà col mosto delle nostre uve Nerello Mascalese. Un metodo ancestrale. Rosato. Non sboccato”. In tutto con questa prima vendemmia fanno novemila bottiglie. Per divertirsi. Non male come gioco. Ed è solo l’inizio, c’è da credere.

C.d.G.

Commenti   

-2 #1 stefano 2021-01-14 08:40
Prendere uva fuori dalla Doc Etna perchè è una delle cose da evidenziare e non da condannare????
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Peppe Causarano

Ristorante VotaVota

Marina di Ragusa (Rg)

2) Piccione cotto sull’osso, chutney di melanzane e riduzione di melograno

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search